Coito interrotto: una vera trappola del sesso

di Guy Pizzinelli 

Il coito interrotto è un metodo contraccettivo naturale che consiste nell'immediata e tempestiva interruzione del rapporto sessuale qualche istante prima dell'eiaculazione.

Guy Pizzinelli

Guy Pizzinelli

ContributorScopri di piùLeggi tutti

L'idea di evitare una possibile gravidanza "uscendo" al momento giusto è stata spessissimo preferita a quella di infilare con procedure più o meno impacciate il preservativo. Specialmente dai giovani ai primi rapporti.
Ma il dato che il coito interrotto è stato da sempre il sistema naturale più usato per evitare le gravidanze non è un argomento valido a suo favore. Anzi.
Come tutte sanno, consiste nell'interrompere il rapporto prima che si verifichi l'eiaculazione: si effettua quindi la penetrazione senza nessun tipo di protezione, e l'uomo, quando sente che l'eiaculazione è imminente, estrae bruscamente il pene e versa il liquido seminale lontano dalla vagina.
Potrebbe sembrare un metodo semplice e sicuro, invece è il modo più pericoloso per avere rapporti. Si rivela fallimentare nel 23% dei casi, percentuale tutt'altro che trascurabile.

Nonostante sia ormai risaputa l'inattendibilità del metodo, il coito interrotto viene praticato da molti, soprattutto di giovanissimi.
Non solo: sono milioni le coppie nel mondo che lo utilizzano come metodo contraccettivo principale, se non unico.
È vero che il coito interrotto aumenta la sensibilità durante il rapporto, ed è vero che per la sua praticità non implica una "preparazione", una interruzione del rapporto (se non prima dell'eiaculazione) o un addestramento specifico.
Il coito interrotto però presenta molti svantaggi: è poco affidabile perché, nell'eccitrazione del momento, è difficile determinare con esattezza l'istante dell'eiaculazione.

Il coito interrotto non è un metodo contraccettivo sicuro. Il liquido lubrificante prostatico può contenere spermatozoi attivi e quindi anche fermandosi "in tempo" si può restare incinta�, spiegano i ginecologi.
Purtroppo un metodo utilizzato dal 40 per cento delle coppie, soprattutto le prime volte, quando la capacità di controllo del maschio tende allo zero: se il partner è teso, infatti, può non riuscire a cogliere il momento giusto. Né un perfetto autocontrollo dell'uomo, né tantomeno la sua esperienza in ambito sessuale, sono sufficienti per prevenire la fecondazione.

Infine, l'aspetto meno piacevole è che il coito interrotto non consente il massimo piacere e la completa soddisfazione in quanto non è possibile il completo abbandono ai sensi. La tensione e la necessità di controllare le proprie reazioni (…e quelle del partner) toglie naturalezza e spontaneità al rapporto.

E lei come puo' viverlo? Da un punto di vista psicologico la donna vive il rapporto con la paura che il partner non si ritiri in tempo. E spesso è quindi in difficoltà nel raggiungere l'orgasmo, o addirittura non lo raggiunge affatto.
Insomma, sesso sicuro e coitus interruptus proprio non possono convivere nella stessa frase, se volete stare tranquille.


Inserisci il tuo indirizzo email per iscriverti alla newsletter di Style.it