Coito interrotto: quali sono i rischi?

di Guy Pizzinelli 

Conoscete il significato di "coito interrotto" e tutti i rischi associati a questa pratica?

Guy Pizzinelli

Guy Pizzinelli

ContributorScopri di piùLeggi tutti

"Non ti preoccupare: al momento giusto esco e non succederà niente."

Iniziamo dal significato letterale di coito interrotto. Si tratta di una tecnica che consiste nell'interrompere il rapporto prima che si verifichi l'eiaculazione. Si comincia quindi la penetrazione senza nessun tipo di protezione e dopo un po' l'uomo, quando sente che l'eiaculazione è imminente, estrae bruscamente il pene e versa il liquido seminale lontano dalla vagina.
Soprattutto tra i giovanissimi, sono in molti a pensare che il coito interrotto costituisca un metodo contraccettivo sicura. Tuttavia, nella pratica non è propriamente così: esso si rivela fallimentare nel 18-22% dei casi, percentuale tutt'altro che trascurabile.
Né un perfetto autocontrollo dell'uomo, né tantomeno la sua esperienza in ambito sessuale, sono sufficienti per prevenire la fecondazione. Non è raro che, prima dell'eiaculazione vera e propria, una piccola quantità di liquido seminale possa inconsapevolmente fuoriuscire, dunque raggiungere e fecondare l'ovulo.

Per capire meglio i rischi di una gravidanza indesiderata utilizzando il coito interrotto si fa riferimento all'indice di Pearl. Questo strumento statistico ci racconta la percentuale di insuccesso dei sistemi contraccettivi utilizzati in un anno da 100 donne.
In base a questo indice, quindi, l'efficacia contraccettiva del coito interrotto è stimata in 10-18 gravidanze su 100 donne/anno. Se non sembra molto, pensate che per la pillola anticoncezionale la percentuale di insuccesso è dello 0,5%.
Calcolando il numero di nascite in Italia nel 2008 (576.659), il 50% non erano desiderate, e un buon 30% derivavano proprio dall'interruzione del coito.
In sintesi, è soggetto ad un'alta percentuale di fallimenti legati in parte all'errore tecnico (non si riesce a controllare il momento dell'eiaculazione) e al fatto che vi possono essere perdite pre-eiaculatorie con spermatozoi vivi.

Nonostante sia ormai risaputa l'inattendibilità del metodo, il coito interrotto sembra costituire un'usanza sessuale estremamente "allettante", soprattutto tra giovani e giovanissimi. Dati alla mano, pare che ben 40 milioni di coppie nel mondo utilizzino il coito interrotto come metodo contraccettivo di prima scelta.
Dopo un rapporto sessuale con coito interrotto sarebbe opportuno, prima che si verifichino altri contatti fra zone genitali, che l'uomo orinasse e che procedesse con un lavaggio accurato delle proprie parti intime. Anche la donna dovrebbe lavarsi quanto prima possibile nel caso l'eiaculazione sia avvenuta in prossimità della vagina.
Ma evitarlo e ricorrere al preservativo è sempre e comunque una scelta migliore.


Inserisci il tuo indirizzo email per iscriverti alla newsletter di Style.it