TRENDS REPORT

Negli Usa il nuovo eros. Con 41 varianti

12 ottobre 2010

Sesso orale? Una banalità. Rapporti omosex? Un'esperienza anche per etero. Quanto al sesso anale, poi, è una delle "variazioni al tema" che sempre più soggetti scelgono di provare sulla via del piacere. Questi e altri nuovi modi di vivere l'eros sono emersi dal National Survey of Sexual Health and Behaviour, il nuovo rapporto che ha sbirciato nelle camere da letto degli americani. Ecco, nel dettaglio, cosa ha registrato.

Precedenti Successivi

La rivoluzione dei preliminari

1/8

Qualche pigro, a letto, ne farà ancora il suo “pezzo forte”. Di certo, però, la posizione del missionario non rappresenta più l’inizio o la fine un normale rapporto sessuale. Negli Stati Uniti, infatti (e se sta succedendo lì sta facilmente succedendo anche altrove) cresce la voglia di sperimentare, di avere rapporti “alternativi”, di indagare nuove vie del piacere. Lo rivela il nuovo National Survey of Sexual Health and Behaviour, condotto dall’Università dell’Indiana e pubblicato sul Journal of Sexual Medicine, secondo cui esistono attualmente ben 41 modi di fare l’amore, pur trattandosi di varianti apportate ai cinque atti erotici principali: pene-vagina, autoerotismo, masturbazione, sesso orale, sesso anale.

Insomma, le variazioni sul tema possono essere tantissime e sembra che le nuove generazioni (ma non soltanto) siano sempre più desiderose di sperimentarle. Al punto che, quelle che un tempo erano le effusioni tipiche da preliminari sono adesso la parte principale di un rapporto intimo. O forse, c’è semplicemente da pensare che se ne parli con più disinvoltura, visto che il sondaggio alla base dello studio, condotto su 5.865 soggetti fra i 14 e i 94 anni, è stato realizzato via Internet.

    Condividi:
    • Twitter
    • Facebook
    • Delicious
    RISULTATI

    INTERESSANTI IN RETE

      Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
      Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).