TRENDS REPORT

Siamo alle solite! Ecco perché la coppia scoppia

03 febbraio 2011

Si discute per colpa dei videogiochi, per il disordine dell'armadio, mentre si sta in macchina, per decidere le vacanze, quando si inizia una convivenza. Ma si può averla vinta se si fa scattare il confronto alle tre e non fa male alla salute se si usano toni pacati. Sempre meglio però fare la pace e, soprattutto, "testare" la propria capacità di imparare anche dai conflitti!

Precedenti Successivi

Nemici sotto lo stesso tetto

1/10

Due cuori e una capanna forse non sono più un connubio vincente, se è vero che è la convivenza uno dei principali motivi di litigio tra le coppie. Si bisticcia per il colore delle pareti, per la scelta di un soprammobile o del divano più comodo. È quello che emerge da un’indagine del portale immobiliare Casa.it su un campione di coppie italiane. Le cause più banali legate alla sistemazione del nido d’amore possono scatenare interminabili discussioni. L’arredamento, per esempio, viene deciso solo dopo una lunga trattativa con il partner nel 69,8% dei casi. Si bisticcia per il colore delle pareti (19,9%), per il divano (17%), le tende (10,9%), gli elettrodomestici (10,9%), un semplice quadro (16,6%), un vaso o una pianta (12,9%). A infastidire sono poi i comportamenti del partner. Il 27,9% delle coppie arriva ai ferri corti per gli schizzi d’acqua su specchi e pavimenti, il 28,6% non sopporta di essere coinvolto in disperate “cacce al tesoro” quando non si trova qualcosa, mentre il 27,1% perde la pazienza nell’inciampare tra vestiti e scarpe abbandonati ovunque. A peggiorare la situazione si intromette anche la tecnologia. La guerra del telecomando colpisce il 27,4% delle coppie, mentre il 14,5% farebbe carte false per avere il controllo del computer.

    Condividi:
    • Twitter
    • Facebook
    • Delicious
    RISULTATI

    INTERESSANTI IN RETE

      Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
      Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).