Woody Allen: Che pena diventare vecchi

15 maggio 2010 
PHOTO GETTY IMAGES

«Sono sempre stato pessimista e triste, fin da quando avevo sei anni. Ma invecchiare è un brutto affare. Non lo consiglio a nessuno». Woody Allen al Palais des Festivals sorseggia tea, mentre racconta il suo You will meet a tall dark stranger (fuori concorso). È insieme a una Naomi Watts di tanto in tanto presa da colpi di tosse.

Chi è lo straniero alto e misterioso del titolo? «Ti aspetti sia Banderas», racconta Allen, «e invece è quello che prima o poi bussa alla porta di tutti per portarci via. E se non ci sei ti viene a cercare. È la morte. Che legame ho con lei? Sono contrario».

Il suo film (ancora una volta girato d'estate e montato d'inverno, e ancora una volta a Londra), non lo nasconde: è «una commedia triste». Un intreccio di amori disillusi e di disamori illusi. C'è Anthony Hopkins che nelle rughe non ci sa stare: lascia la moglie, butta giù viagra, crede di tornare giovane con Lucy Punch, una ragazzina a cui potrebbe essere padre. C'è Josh Brolin che è un aspirante scrittore: le cose non vanno bene con la moglie Naomi Watts: lui si lascerà andare al fascino della dirimpettaia Frida Pinto, lei non sarà consolata dal gallerista Antonio Banderas. A proposito: tutti lo aspettavano. Insieme a Anthony Hopkins. Non si sono visti.

A Hopkins, Allen ha dato la parte che lui non avrebbe voluto interpretare: «Non mi piace più recitare nei miei film. Mi divertivo a fare solo il romantico che porta lei a cena e la bacia. L'ho fatto per anni. Ora sarei ridicolo. E non sapete quant'è frustrante vedere gli attori che dirigo farlo al posto mio con attrici come Scarlett Johansson e Naomi Watts».

È un Allen che «trova geniale» e vorrebbe «dittatore per un po'» Barack Obama ma che si sente sempre più «europeo», quello del Festival di Cannes. Nei prossimi anni, oltre la macchina da presa, sogna Cate Blanchett. Per ora, c'è Carla Bruni, per cui dice di aver pensato a una parte ad hoc nel suo Midnight in Paris. Le riprese inizieranno quest'estate a Parigi.

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).