Il cane di Frammartino vince il Palm dog

21 maggio 2010 
<p>Il cane di Frammartino vince il Palm dog</p>

Chi l'ha visto, Le quattro volte di Michelangelo Frammartino, rivelazione italiana alla Quinzaine des Realisateurs al Festival di Cannes, ricorderà più capre che cani. Ma Vuk, il Border Collie di 8 anni protagonista nel film di un lungo piano sequenza, ha vinto il Palm Dog, il premio creato dal giornalista Toby Rose dieci anni fa per celebrare le destrezze canine sul set.

Ha batutto così l'irlandese di Robin Hood e col boxer di Tamara Drew. L'anno scorso, vinse l'osso Dug, cane di Up.

Le quattro volte racconta in un documentario in quattro episodi gli ultimi giorni di vita di un pastore, la nascita di un capretto, un abete che attraversa le stagioni, la trasformazione dell'albero in carbone attraverso il mestiere dei carbonai. Un successo immenso al Festival, dove la stampa internazionale ha definito Frammartino il secondo Michelangelo Antonioni del cinema italiano.

Il film ha vinto l'Europa Cinema Label assegnato al miglior film europeo della Quinzaine des Réalisateurs, perché «è una bella evocazione, sottile e piena di amore della vita e della natura, dell'Italia rurale più profonda. Il regista è riuscito a portare fino in fondo le sue rischiose scelte creative senza didascalismi né sentimentalismi». Sarà in 25 sale italiane dal 28 maggio con Cinecittà Luce. E' stato venduto già in Iran, Taiwan, Portogallo, Francia, Regno Unito, Belgio, Olanda, e ci sono trattative avanzate per la distribuzione negli Stati Uniti.

 

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).