Le più belle fedi per il matrimonio

di M.Peluso e L.Sironi 

Come orientarsi nella scelta della fede nuziale: usi, costumi, consuetudini, modelli, materiali e correnti di pensiero. Purché sia "per sempre"

M.Peluso e L.Sironi

M.Peluso e L.Sironi

Scopri di piùLeggi tutti

<<>0
0/

Passano le mode, gli stili, i materiali, ma resta il significato: la fede sull'anulare sinistro, secondo l'usanza italiana, è simbolo di una promessa d'amore. La scelta del dito non è casuale: come si legge in letteratura classica, dall'anulare sinistro parte una vena che arriva dritta al cuore. Nulla di scientifico, ovviamente, ma chi ha mai associato amore e razionalità?

Non importa se civile o religiosa, lo scambio dell'anello è previsto in entrambe le cerimonie e si trovano tracce della sua presenza anche nell'antichità, in riti pagani e cristiani. Sferico, perfetto, l'unica forma geometrica democratica e imparziale, dal cui centro s'irradiano raggi equidistanti. Mai sbilanciato per definizione, il cerchio è il simbolo dell'unione perfetta, dove il sentimento fonde la coppia e il due diventa uno.

Il galateo dice la sua, ma l'ultima parola spetta agli sposi. Senza far rientrare consigli e opinioni di mamme, zie e amiche, è indispensabile che gli sposi decidano insieme modello e metallo, senza alcuna delega, perché la vera nuziale resterà lì in bella vista per tutta la vita sotto gli occhi di tutti, soprattutto di chi l'indosserà.

Wedding ring tradizionale o ripensato nello stile e nella foggia? Bisogna solo trovare quello più giusto all'indole degli sposi. A ognuno, la sua fede.

Fede classica: per i tradizionalisti che vogliono seguire le usanze fino all'ultimo dettaglio. È una fascetta mezzatonda con gli angoli smussati, alta 4 mm, con una grammatura tra i 3 e i 10 g e l'interno piatto.

Fede comoda: simile alla classica, ma con l'interno bombato e una sezione che va da 1 mm a 2 mm. L'altezza e la grammatura sono invariate rispetto alla fede classica.

Fede mantovana: nota anche col nome di fede larga, la mantovana è più alta rispetto alla fede classica: 6 mm, per una grammatura e uno spessore invariati.

Fede francesina: più discreta degli altri modelli, coi suoi 3 mm di altezza e una grammatura tra i 3 g e i 5 g. Interno rigorosamente piatto, anche in questo caso, per agevolare l'incisione.

Fede piatta: scelta minimal chic che rinuncia allo spessore tridimensionale.

Fede incrociata: fede a più cerchi, incrociati tra loro. Genericamente a questo modello si associa proprio la scelta di più metalli, per sottolinearne cromaticamente il design.

Fede bicolor: fede classica, comoda o mantovana, fusa con più metalli preziosi. Un unico cerchio ma con più metalli, di colori differenti.

Fede di brillanti: c'è chi riserva le pietre preziose all'anello di fidanzamento e chi non ci rinuncia nemmeno sulla vera. Una al centro o tutt'intorno all'anello, verso l'esterno, ma anche sui bordi o verso l'interno. Perché ciò che è prezioso, non sempre è visibile agli occhi.

Anelli vintage: nella moda e nei bijoux, il gusto vintage ammalia sempre. Per la promessa d'amore, si può optare infatti anche per anelli vintage, con o senza pietra, appartenuti a nonni, avi, genitori.

Dai modelli alla composizione. Ogni varietà d'oro è la benvenuta: l'oro giallo è la scelta tradizionale, ma il ventaglio di possibilità spazia dal platino all'oro nero, senza esclusione di colpi. Le variazioni sul tema sono da prendere con le pinze, perché la fede nuziale è "per sempre", quindi il rame, il legno, il plexiglass e tutto l'estro che può rispecchiare la tendenza di una stagione, potrebbe materialmente non resistere alla stagione successiva: ricordiamo che la fede non si toglie mai, quindi il metallo deve resistere negli anni, giorno e notte, d'estate e d'inverno.

Per quanto riguarda le incisioni all'interno, la tradizione suggerisce d'inserire i nomi dei due sposi e la data delle nozze, ma c'è anche chi preferisce personalizzarle con una frase che caratterizzi la coppia e che abbia un senso per i due sposi. L'importante è che parli di loro.

DA STYLE.IT

  • Sposa

    Grenada, il reportage: prove tecniche di luna di miele

    Un'isola piccola sperduta nel Mar dei Caraibi, un resort cinque stelle lusso studiato apposta per le coppie, io e lui inviati per vivere l'esperienza della luna di miele in anteprima: ecco il nostro reportage.

  • Sposa

    Grenada, l'isola del romanticismo

    Grenada è una piccola isola delle Antille, soprannominata “isola delle spezie”. Ma da qualche anno qui Sandals Resorts ha aperto il suo quattordicesimo indirizzo, il Sandals La Source, incantevole meta per chi desidera una luna di miele indimenticabile o addirittura, sposarsi direttamente sulla spiaggia, senza troppe preoccupazioni. Conosciamo più da vicino questa realtà.

  • Sposa

    Michela + Gennaro: matrimonio al tramonto!

    Alle volte, essere fuori dal coro significa fare le scelte meno scontate, quelle che nessuno mai farebbe: come Michela e Gennaro che per il loro matrimonio hanno rifiutato di... Scopritelo qui!

  • Sposa

    Lara + Fabio: matrimonio in tandem!

    Regola numero uno: divertirsi e che tutto fosse il più naturale possibile! Così hanno voluto il loro matrimonio Lara e Fabio e così l'hanno realizzato: una festa indimenticabile, immersa nelle colline del Monferrato. Sbirciate qui!

Iscriviti adesso alla newsletter settimanale di SPOSA