Viaggio di nozze a Salina, Isole Eolie

di Lorena Sironi 

Capofaro Malvasia & Resort, a Salina, accoglie i novelli sposi in un clima a cinque stelle

Lorena Sironi

Lorena Sironi

EditorScopri di piùLeggi tutti

<<>0
1/

Il Resort eoliano della famiglia del vino siciliano Tasca d'Almerita è diventato negli anni un simbolo dell'arcipelago delle Eolie, segno inconfondibile di uno stile centrato su natura incontaminata, comfort e ricerca dell'eccellenza enologica.

Capofaro Malvasia & Resort si sviluppa in caseggiati bianchi di stile mediterraneo che ospitano 20 soluzioni abitative suddivise tra suites e camere sparse in 7 diversi nuclei e curate nei minimi . I nuclei, con terrazze a picco sul mare blu cobalto, sono immersi nella lussurreggianti tipiche di Salina e sono vere e proprie oasi di pace e tranquillità . Il bagliore antico del faro, al calar del sole, rischiara i vari caseggiati bianchi donando loro un'allure decisamente pittoresca.

Soggiornare a Capofaro Malvasia & Resort significa godersi anche il relax della piscina e dei trattamenti benessere open air e in-room, da alternare a lunghi pomeriggi sulle spiagge di Salina. Gli sposi che desiderano esplorare le sue splendide coste possono inoltre organizzare indimenticabili escursioni in barca o esplorare le altre isole dell'Arcipelago delle Eolie.

Unico 5 stelle dell'isola di Salina, il Resort è sapientemente diretto da Daniela Gemelli mentre il ristorante interno "La vigna e il mare" è affidato all'estro creativo dello chef Riccardo di Giacinto che tra i suoi ménu propone ricette di cucina tradizionale dalle moderne contaminazioni, senza mai prescindere dai freschi prodotti locali. Piatti eseguiti dalle abili mani di Pierludovico De Vivo, executive chef con esperienze stellate a Capri e a Zermatt.

nanti dell'arcipelago e scandire il tempo e le emozioni di chi si trova a vivere nell'isola.

Con Capofaro, la famiglia Tasca d'Almerita vuole manifestare non solo l'anima di un autentico "ritiro isolano", ma anche un modo nuovo di vedere la viticoltura, nel rispetto della natura e della sua biodiversità , capace di preservare e valorizzare la bellezza paesaggistica e la ricchezza culturale del territorio. Un magico accordo che a Salina sarà sotto gli occhi degli ospiti i quali, se lo desiderano, potranno essere accompagnati alla scoperta dei segreti della coltivazione della Malvasia e, in settembre, assistere al momento più emozionante dell'anno, la vendemmia.

"Capofaro - spiega Alberto Tasca D'Almerita - è anche un magnifico esempio di oasi botanica ed agricola, con una propria produttività rappresentata da 9 appezzamenti di vigna - oltre 23.000 piante di Malvasia divise in 414 filari - ma anche modello di biodiversità mediterranea. Negli anni qui, a bordi di un prato di 1400 mq, abbiamo piantato 45 alberi di ulivo, 52 capperi, 20 pini, 2500 bouganvillea, 89 ibiscus". E ancora, a completare il quadro, mandarini, albicocchi, prugni, peri, peschi, fichi, limoni, fichi d'india, gelsomini, ortensie, ginestre, lentisco e svariati tipi di aromatiche: elicrisum, salvia, lemon grass, origano greco, aneto, piper auritum.

www.capofaro.it

info@capofaro.it

COME ARRIVARE

Via Mare

Traghetto da Milazzo (servizio continuativo)

Traghetti da Palermo, Napoli (stagionale)

In Aereo

Aeroporto di Catania- Fontanarossa

Limo transfert a Milazzo

In Elicottero

Trasferimento in Eliservice (Airpanera.it) da: Catania, Palermo, Milazzo, Messina

Iscriviti adesso alla newsletter settimanale di SPOSA