In Kenya, cena per due sotto un cielo stellato

di Regina Galbiati 

Sulle tracce dei Big Five. A piedi, in jeep o a cavallo. Immersi nella natura selvaggia. Senza rinunciare al lusso dell'ospitalità di romantici ecoresort. A misura di coppia

Regina Galbiati

Regina Galbiati

ContributorScopri di piùLeggi tutti

<<>0
0/

Appena cala il sole, inizia il coro polifonico della notte africana: il ruggito del leone, il barrito degli elefanti, le grida degli ippopotami che vagano nel bush solo col buio, arpeggi armoniosi di uccelli e guaiti concitati di chissà quale preda, forse una zebra, un impala, una gazzella. E' difficile decifrare il linguaggio arcano di una natura selvaggia, come se vivesse ancora all'alba della vita. I suoni sono smorzati dal vento che, durante la stagione secca, soffia a folate da nordest, proprio la dove sorge la luna, per poi morire disperso tra solitudini sempre più desertiche. Il Kenya è un'alchimia difficile da spiegare, da raccontare. Incarna, forse più di qualche paese africano l'idea di vera Africa, che da sempre solletica la fantasia e i sogni di viaggiatori, scrittori, registi. Infinite volte la letteratura coloniale e postcoloniale, dalla mitica Karen Blixen della Mia Africa a Beryl Markham, aviatrice professionista e autrice di A occidente con la notte, ha provato a svelare il segreto delle notti africane che fanno del Kenya una meta ancora oggi magica. Ma non ha radici letterarie il mix di sensazioni che si prova all'esclusivo Lion in the Sun (lioninthesun.net), a pochi minuti dal centro di Malindi e dalla spiaggia, con quattro edifici con tetto in makuti, circondati da giardini di palme e frangipane , ognuno con la propria piscina. Sontuosi salottini dalle preziosità tipicamente africane sono allestiti nelle parti comuni di ogni blocco, tra una stanza e l'altra; eleganti gazebo dalle tende svolazzanti si alternano a lettini e ombrelloni nello spartirsi il bordo piscina. Gli spazi sono ben organizzati e distribuiti per offrire ai novelli sposi il giusto grado di riposo e relativa intimità. In un'atmosfera ovattata ed elegante, 16 stanze suddivise in suite e camere superior, tutte con patio privato e accesso al mare, hanno dettagli eleganti e raffinati, stile e arredamento differenti con elementi etnici, mobili d'antiquariato locale, vere e proprie opere d'arte. I peccati di gola si consumano in ben due ristoranti dove assaggiare le specialità internazionali e non. Per tenersi in forma possibilità di praticare sport nella palestra interna e acquatici con immersioni in un mare spettacolare. A due minuti di navetta, la spiaggia privata, famosa per le notti a ritmo di musica dal vivo e all'insegna dell'intrattenimento oppure a tema, compresa quella ad hoc per gli innamorati. Tra i plus, la thalaspa Henri Chenot, con massaggi e trattamenti spesso basati su ingredienti naturali locali (magicalkenya.it).

DA STYLE.IT

  • News

    Family every Day, il web risponde al Family Day

    Family every Day, il web risponde al Family Day

  • News

    Bansky, nuova opera dedicata ai "miserabili" di Calais

    Bansky, nuova opera dedicata ai "miserabili" di Calais

  • News

    Asterix e Obelix contro il terrorismo #JeSuisParis

    Asterix e Obelix contro il terrorismo #JeSuisParis

  • News

    Parigi, è il giorno dell'omaggio alle vittime

    Parigi, è il giorno dell'omaggio alle vittime

Iscriviti adesso alla newsletter settimanale di SPOSA