Isole segrete a prova di passione

di Regina Galbiati 

Tra le mura di un'antica fornace, ricordi preziosi e lusso discreto. Viaggio a ritroso nel tempo tra le isole 'minori' della laguna veneta. Per un inizio speciale di vita a due

Regina Galbiati

Regina Galbiati

ContributorScopri di piùLeggi tutti

<<>0
0/

Voglia di una formula insolita per una luna di miele? Soggiornare tra le antiche mura di una vecchia fornace è la soluzione originale e romantica, soprattutto se nel cuore dell'isola dei maestri soffiatori, tra calli e canali, a una ventina di minuti di barca da Venezia. L'edificio affacciato sul Canal Grande di Murano, fu fino agli anni Novanta un grande stabilimento fornace delle conterie, tipiche perle di vetro colorato veneziane. Oggi completamente restaurato ad opera della società immobiliare LAGare Spa (lagarehotels.it), ha 118 camere, di cui 31 executive su due livelli e 3 junior suite, caratterizzate da raffinati arredi di stile contemporaneo, sapientemente accostati a pregiati pezzi di artigianato, come gli imponenti specchi molati a mano che impreziosiscono alcune stanze. Ma non mancano eleganti spazi comuni dove è allestita un'esposizione permanente delle opere museali e della produzione di design di Venini (venini.com). A disposizione degli ospiti una biblioteca con volumi pregiati e libri d'arte. Un 4 stelle superior, della categoria Signature della collezione MGallery del gruppo Accor (accorhotels.com), che ospita l'ottimo ristorante Riva Longa, affacciato su di una caratteristica corte veneziana, per cene a lume di candela. Durante il giorno, i neosposi possono far visita ad una delle tante fornaci dell'isola, dove è possibile assistere all'affascinante lavorazione e produzione del vetro. La scuola di Davide Penso (davidepenso.it), ogni venerdì, sabato e domenica propone una full immersion con dimostrazioni e laboratori. L'idea carina? Regalare alla propria amata una vostra opera d'arte -fatta con le vostre manine sante-, davvero unica! E non c'è luogo migliore del Museo del Vetro (museovetro.visitmuve.it), ospitato nell'antico Palazzo dei Vescovi di Torcello, dove è possibile partecipare a visite guidate con esperti, pronti a narrare la storia, le tecniche e i segreti della lavorazione di questo materiale uniche di ogni epoca, dall'antica arte romana a quella contemporanea. Il monumento più bello ed interessante, per via di uno stupendo pavimento in mosaico, è senz'altro la chiesa di San Donato. Da non trascurare l'aspetto gastronomico. Sull'isola la cucina è fondamentalmente a base di pesce e a Murano, in particolare, il miglior locale è 'Ai Piantaleoni' (aipiantaleoni), dopo un 'cicheto' all'ostaria serca e sorsa Sottovento, dove vengono serviti piatti della tradizione culinaria veneziana. Vicino alla chiesa di S. Martino, alcuni pescatori ormeggiati possono condurvi in poco più di venticinque minuti con la loro barca a S. Francesco del Deserto (isola-sanfrancescodeldeserto.it), un'isola minuscola, quieta e ricoperta di cipressi. La leggenda vuole che qui si sia fermato nel 1220 il fraticello d'Assisi. Percorrendo il lungo viale alberato si arriva alla chiesa, affiancata dal campanile e dal convento. Dalla porta a destra si accede al primo chiostro, recentemente restaurato, e al vicino chiostro quattrocentesco, con al centro una vera da pozzo barocca. Il complesso è circondato dal giardino, dove potrete godervi una passeggiata tra il verde e il silenzio di questo luogo, interrotto solamente dal cinguettare dei numerosi uccelli che lo popolano. Con un veloce servizio navetta messo a disposizione da LaGare Hotel Venezia MGallery Collection di Murano, gli innamorati possono puntare su Torcello, due chiese, cinque case e quattro ristoranti. Meritano una visita la Cattedrale del VII secolo tra le più antiche costruzioni veneto-bizantine con all'interno il dipinto della Vergine con i dodici apostoli e il mosaico raffigurante il Giudizio universale, sopra la porta d'ingresso, e la chiesa romanica di Santa Fosca, deliziosa nella sua pianta pentagonale, armoniosa nello stile architettonico, meta di sposalizi da tutto il mondo. Poco distante si trova il campanile dell'XI secolo a base quadrata e inconfondibile nel paesaggio lagunare. Salite in cima con la vostra lei e godetevi un'incomparabile vista su tutto l'estuario lagunare. Non appena sbarcati, si schiudono paesaggi sempre diversi, fatti di rovi, di foglie scosse dalla brezza della laguna, di rovine, di vegetazione fitta, di sentieri che sembrano non essere mai stati battuti prima. Tra i monumenti più conosciuti dell'isola il ponte del diavolo, tipico ponte veneziano senza parapetti e di cui si ignora ancora l'origine del suo nome. Qualche metro in la, si trova l'Osteria al Ponte del Diavolo (osteriaalpontedeldiavolo.com): sarà inevitabile cedere alle tentazioni di chef italiani che vi conquisteranno con una varietà di piatti di pesce, tipici ed elaborati, con pasta e dolci fatti in casa, verdure fresche degli orti dell'isola e una convincente carta dei vini. E' possibile organizzare pranzi nuziali nel gazebo in giardino, tra fiori e piante di ogni tipo, in un'atmosfera intima e di assoluta tranquillità.

DA STYLE.IT

  • News

    Family every Day, il web risponde al Family Day

    Family every Day, il web risponde al Family Day

  • News

    Bansky, nuova opera dedicata ai "miserabili" di Calais

    Bansky, nuova opera dedicata ai "miserabili" di Calais

  • News

    Asterix e Obelix contro il terrorismo #JeSuisParis

    Asterix e Obelix contro il terrorismo #JeSuisParis

  • News

    Parigi, è il giorno dell'omaggio alle vittime

    Parigi, è il giorno dell'omaggio alle vittime

Iscriviti adesso alla newsletter settimanale di SPOSA