Quanto costa
l'abito da sposa?

di Simone Cosimi 

Secondo i dati di Moda24 il mercato, che vale 600 milioni di euro, regge bene e la media si attesta sui duemila euro a pezzo. Anche se la forchetta fra chi cerca vestiti da sogno fino ai 10mila e chi scova offerte online si allarga e la concorrenza sleale si fa durissima

Simone Cosimi

Simone Cosimi

ContributorScopri di piùLeggi tutti


Quanto costa l'abito da sposa? - Corbis Images

Quanto costa l'abito da sposa? - Corbis Images

Il dato essenziale è l'allargamento della forchetta: c'è chi può spingersi sempre più in alto, cercando abiti addirittura nella fascia fra gli 8 e i 10mila euro, e chi invece naviga affannosamente su internet sperando di scovare l'occasione a poche centinaia di euro o tenta comunque di non spingersi oltre un certo livello. Ciononostante, il mercato del vestito per il matrimonio non sembra accusare troppo i colpi della crisi. Tutto il contrario. La torta interna, secondo i dati raccolti da Moda24, è stimata sui 600 milioni di euro all'anno. Non male. Ma, tanto per cominciare, quanto si spende? La media parla di duemila euro per l'abito della sposa e la metà per quello dello sposo.

Ovviamente non finisce qui: il business dell'abito nuziale, per quanto in lievissimo calo di fatturato, assume colori e sfumature differenti a seconda che si modifichi prospettiva geografica. Nei negozi di Milano, per esempio, il conto si ferma alla fine intorno ai 1.400 euro nella grande distribuzione e il doppio nei negozi più ricercati, magari quelli delle grandi firme più abbordabili. Al Sud, le spese s'impennano: a Napoli si arriva infatti ai 3.500 euro mentre sulle isole il prezzo si sistema intorno ai 1.500 euro. Il lavoro si fa sul valore del pezzo, più che sul numero dei vestiti smerciati, che è infatti stabile intorno ai 450 per negozio nelle grandi città e una settantina in quelle piccole. Anche in questo caso Napoli corre decisa in controcorrente facendo segnare un aumento delle vendite del 10%.

Cosa prediligono i promessi sposi del 2012? Sobrietà è la parola d'ordine. Desiderio che si traduce in tessuti meno costosi come tulle, georgette e chiffon. Perfino i colori risentono dello scivoloso contesto socioeconomico: cinquanta sfumature di avorio, verrebbe da dire, magari vivacizzate da qualche dettaglio o accessorio colorato. In generale, pur in una sempre profonda attenzione alla qualità, l'atteggiamento è accorto: "Le clienti si informano, girano, confrontano, pensano, ripensano e poi comprano", sottolineano all'Atelier Romeo e Giulietta di Verona. A quanto pare sono le mamme a tentare di "difendere" la qualità della fattura mentre le figlie (soprattutto fra i 26 e i 28 anni) tengono sott'occhio soprattutto il portafoglio, oltre alla praticità del vestito. Sono infatti le più giovani a cercare il punto d'equilibrio fra sogno e realtà, desiderio e quattrini. Luna di miele e mobili per la nuova casa: molte risorse finiscono da quella parte.

Infine, anche per quello che riguarda la lavorazione, il made in Italy fatica sotto i colpi della concorrenza, su tutte quella cinese. Le firme italiane continuano a dettare legge in quanto a gusti e stili riuscendo ogni anno a far quadrare i conti anche se per molte spose l'importante è cavarsela. E a quanto pare l'alternativa low-cost riesce a volte a soddisfare "la crescente domanda delle spose a cui basta che il vestito faccia figura", ammettono a La Sposa di Firenze. Come spesso accade anche in altri settori, gli sleali laboratori stranieri copiano le inimitabili e raffinate griffe italiane cercando di invadere proprio il mercato d'origine puntando a strappare fasce di acquirenti medio-basse. In una sfida all'ultimo velo.

DA STYLE.IT

  • News

    Meteo: stop al caldo, torna l'inverno

    Meteo: stop al caldo, torna l'inverno

  • News

    Arrestata infermiera killer a Piombino

    Arrestata infermiera killer a Piombino

  • News

    I genitori di Giulio Regeni: «Vogliamo verità e giustizia per nostro figlio»

    I genitori di Giulio Regeni: «Vogliamo verità e giustizia per nostro figlio»

  • News

    Oscar 2016, trionfo Spotlight ma anche DiCaprio

    Oscar 2016, trionfo Spotlight ma anche DiCaprio

Iscriviti adesso alla newsletter settimanale di SPOSA