Il bouquet da sposa
secondo Giulietta:
il prequel

di Marianna Peluso 

Un romanzo, un manuale per conoscere il significato fiori e tanti spunti (visivi & significativi) per il proprio bouquet. Perché Shakespeare aveva una predilezione per i fiori. E per l'amore.

Marianna Peluso

Marianna Peluso

ContributorScopri di piùLeggi tutti

<<>0
1/

Lei la conosciamo. È proprio la Giulietta di cui scrive Shakespeare, musicata da Prokofiev,  danzata e recitata nei più grandi teatri (e anche da noi, direttamente dal terrazzino di casa). Prima della sua storia d'amore travagliata finita in leggenda, Giulietta com'era? Cosa faceva? Cosa sognava? «Giulietta e Romeo. Le parole d'amore, il linguaggio dei fiori» è la storia di Giulietta prima che s'innamorasse di un Montecchi, edito dalla Casa Editrice Lunargento in collaborazione con il Comune di Verona.

«Sotto il segno zodiacale della Vergine, con Sole e Mercurio in associazione favorevole, nel fausto giorno del sedici di settembre, all'ora di mezzogiorno (nel mentre San Zeno e la Cattedrale lanciavano nell'aria i tocchi liturgici) ecco che vide la luce una bellissima bambina in casa di ser Antonio Capuleti o Cappelletti, mercante e gastaldione, detto comunque "Messere". Era l'anno del Signore 1284» [Cit. p.9]. La ricostruzione biografica, scritta da Giuseppe Campolieti, dosa bene le componenti letterarie: un'approfondita conoscenza storico-geografica e un tributo alla fantasia. Giulietta nasce e sboccia come un fiore: ogni capitolo, ogni età corrisponde a un fiore, con tutto il carico di significati che si porta dietro. Nasce lavanda, cresce margherita, si sviluppa orchidea, si trasforma in garofano, in papavero, in calendula, in girasole, in ranuncolo e in viola, per poi risplendere in rosa e morire iris. Accanto alle vicende dell'eroina shakespeariana, presente anche il tema della florigrafia romantica sviluppato da Antonio Todaro: l'etnobotanico esperto di tradizioni popolari e di uso delle piante nell'antichità, nella seconda parte del libro descrive il significato di ogni fiore, l'uso nella storia e le proprietà dei fiori scelti per rappresentare Giulietta.

Da cosa nasce cosa e l'ispirazione può essere un piccolo sasso che diventa valanga creativa. Se dico "amore" e dico "fiore", voi cosa rispondete? "Bouquet da sposa". Sì, lo so, troppo facile. Non lo è altrettanto ripercorrere il libro capitolo per capitolo per dare la propria interpretazione romantica a forma di bouquet. Ci pensano Patrizia Di Braida e Federico Savoia a prendere ogni capitolo e ogni fiore per realizzarne un bouquet. 12 bouquet per 12 capitoli, per sognare, per sapere, per immaginare e organizzare a modo proprio il giorno più importante dedicato all'amore.

Giuseppe Campolieti, Antonio Todaro, Patrizia Di Braida

Giulietta e Romeo. Le parole d'amore, il linguaggio dei fiori

Lunargento 2013 - Stamperia SIZ, pp. 272

www.lunargento.it

DA STYLE.IT

  • News

    Family every Day, il web risponde al Family Day

    Family every Day, il web risponde al Family Day

  • News

    Bansky, nuova opera dedicata ai "miserabili" di Calais

    Bansky, nuova opera dedicata ai "miserabili" di Calais

  • News

    Asterix e Obelix contro il terrorismo #JeSuisParis

    Asterix e Obelix contro il terrorismo #JeSuisParis

  • News

    Parigi, è il giorno dell'omaggio alle vittime

    Parigi, è il giorno dell'omaggio alle vittime

Iscriviti adesso alla newsletter settimanale di SPOSA