Sposarsi ai Caraibi? Ecco come!

di Francesca Favotto 

Spiaggia bianca, mare cristallino, voi due sulla spiaggia a scambiarvi le promesse: un sogno? Oggi realtà, grazie ai consigli della destination wedding planner Monica Balli.

Francesca Favotto

Francesca Favotto

ContributorScopri di piùLeggi tutti

L'estate è ormai agli sgoccioli: molti sono già tornati al lavoro, altri sognano di fuggire di nuovo verso mete paradisiache, dove il sole splende sempre e il mare è cristallino. E tanti sognano proprio questi paesaggi mozzafiato come scenario per un matrimonio da favola: sposarsi ai Caraibi, infatti, è un trend in continuo aumento. Ma come fare a organizzarlo? Dove? Quando? E con quali costi?

Abbiamo rivolto queste domande a Monica Balli, membro con qualifica Accredited Bridal Consultant della Association of Bridal Consultants e professionista certificata da FAC Certifica, da oltre dieci anni organizzatrice di matrimoni in Italia e in giro per il mondo e autrice, insieme alla sorella Eva, del libro "Wedding planner, il tuo matrimonio da sogno", edito da Giunti Editori.

Innanzitutto, quali sono le mete migliori per sposarsi al sole d'inverno? "Direi le isole dei Caraibi, che sono veramente moltissime e tutte molto diverse tra loro. Alcune caratteristiche, da tenere sempre a mente: tutte hanno un versante caraibico e uno atlantico, ovvero se da un lato il mare è 'da cartolina', dall'altro è solitamente mosso e più burrascoso; le stagioni sono invertite: quindi, la bassa stagione è da metà aprile a metà dicembre e l'alta stagione da metà dicembre a metà aprile; non esistono mesi più piovosi, essendo paesi tropicali, la pioggia è molto frequente, ma esiste la stagione degli uragani, che grosso modo va da fine agosto a fine ottobre: periodo da evitare!".

Alcune caratteristiche soggettive di queste isole, invece? "Dipende da cosa si cerca, oltre volersi sposare: per esempio, Antigua e Barbuda hanno spiagge bianche, tranquille, ideali per famiglie; Anguilla è più selvaggia ma riservata a una clientela esigente; le Isole Vergini Britanniche sono belle da visitare in yacht; Saint Martin è l'ideale per un viaggio all'insegna del divertimento puro; infine, Riviera Maya, in Messico, è una zona che offre tutto, dalle spiagge meravigliose alle foreste incontaminate fino alla vita notturna".

Qual è il tuo compito come wedding planner? "Come destination wedding planner, il mio compito è non solo di organizzare il matrimonio da sogno, ma anche quello di conoscere al meglio la meta che ospiterà le nozze, di modo da consigliare l'isola perfetta che corrisponde alle aspettative della coppia".

Dal lato burocratico, cosa bisogna fare per potersi sposare ai Caraibi? "Se si tratta semplicemente dello scambio delle promesse non occorrono documenti, ma per un matrimonio civile con valenza legale, occorrono di solito da uno a tre giorni per espletare le formalità, a seconda dell'isola scelta".

Una volta scelto il periodo e la meta dove sposarsi, cosa bisogna fare? "Prenotare da soli un pacchetto volo più hotel o rivolgersi a un'agenzia di viaggi, ma occhio: i tour operator non organizzano anche il matrimonio, quindi una volta là, dovrete rivolgervi a una wedding planner che vi aiuti con la burocrazia e l'organizzazione. Alcuni resort offrono anche il pacchetto wedding, con alcuni pro, come fare tutto sul posto, con a disposizione lo staff, in alcuni casi anche a costo zero, ma anche parecchi contro: per esempio, avere come spettatori gli altri ospiti della struttura, avere a disposizione poco tempo per celebrare la cerimonia e non risultare sposati in Italia perché i documenti forniti non sono adeguati".

Quindi, un'altra possibile soluzione? "Rivolgersi a una destination wedding planner, per un servizio wedding su misura, abbinabile a qualsiasi soggiorno e agenzia. Ogni pacchetto è personalizzabile, garantisce l'assistenza del nostro staff in loco, il pernottamento in hotel, ma fuori dai soliti circuiti, in luoghi incontaminati, e la fornitura dei documenti legali, validi anche in Italia. Per gustarsi al meglio il giorno più bello, sulla riva bagnata da un turchese quasi dipinto, con un lieve fruscio delle palme, dei musicisti locali che accompagnano la cerimonia a ritmo di reggae e un cocco al rum per il brindisi finale!".

Per maggiori informazioni: http://www.monicaballi.com/

http://www.platinumadventure.it/