Wedding Tourism: sposarsi in Italia fa tendenza

di Francesca Favotto 

Tra curiosità ed eccessi, aumentano gli stranieri che scelgono il Bel Paese per le nozze. E per creare un incontro con i buyer internazionali, il 12 e 13 novembre, arriva a Roma la prima edizione della BMII - Borsa del Matrimonio in Italia. Save the date!

Francesca Favotto

Francesca Favotto

ContributorScopri di piùLeggi tutti

In principio fu Tom Cruise. E poco più di un mese fa, ecco George Clooney. Continua a crescere il numero di coppie straniere che sceglie l'Italia per celebrare il "grande giorno". Mentre il numero di invitati è tendenzialmente inferiore a quello di una coppia italiana, il matrimonio è quasi sempre da sogno e affidato a wedding planner o agenzie specializzate. Per rispondere a questa crescente domanda, il 12 e 13 novembre, Roma apre le porte ai buyer internazionali con la prima edizione della BMII - Borsa del Matrimonio in Italia, specializzata nel Wedding e Wedding Tourism, un settore in forte crescita capace di generare lo scorso anno oltre 1.221.000 presenze da 25 Paesi e un fatturato complessivo di 315 milioni di euro (Fonte: JFC Tourism & Management).

La provenienza? Per la maggior parte sono inglesi, immediatamente seguiti da americani e russi. Poi, giapponesi, irlandesi e arabi, mentre i meno interessati sembrano essere i mediterranei, in particolare francesi e spagnoli. Fondamentale per gli operatori italiani è informarsi in anticipo sui luoghi d'origine e soprattutto sulle religioni e le usanze praticate: maggiore è la distanza del Paese d'origine degli sposi e dei loro invitati, più diventa complicata la comunicazione.

La scelta dell'Italia come luogo per celebrare il matrimonio limita ovviamente il numero dei partecipanti: solo in pochi casi si superano i 100 ospiti, mentre una buona quota di matrimoni non raccoglie più di 30 persone, sposi inclusi. Rimane alta comunque la spesa che difficilmente scende sotto i 51mila euro.

Ma perché gli stranieri scelgono di sposarsi in Italia? Non certo per i prezzi (sposarsi in Spagna o Grecia, con gli stessi servizi, costa mediamente circa il 15/18% in meno), i motivi sono altri: secondo la ricerca condotta da JFC Tourism & Management, l'Italia rappresenta in primis "storia e bellezze culturali" (16,3%), ma anche "fascino e luogo desiderato" (12,9%), senza tralasciare motivazioni legate al fattore "romanticismo e bellezza" (12%) e al "cibo" (11%). È importante anche il motivo del "racconto" dell'esperienza, che hanno fatto amici o conoscenti che si sono sposati in Italia (10,5%), e il "paesaggio" (10%). E per un matrimonio da sogno è la location a farla da padrone, dove in testa alla classifica spuntano castelli, agriturismi, ville, hotel e i relais di lusso. Non mancano le richieste più bizzarre - e non sempre realizzabili - come la scalinata di Piazza di Spagna o il Colosseo a Roma, Piazza San Marco a Venezia o Palazzo Vecchio a Firenze: per esempio, per sposarsi in quest'ultimo, nel Salone de' Cinquecento, occorre un budget di cinquemila euro per l'affitto della location.

Per questo, è stata pensata la BMII: attraverso incontri one-to-one, si possono stabilire relazioni, accordi e trattative, grazie ad un'ampia panoramica di offerta Made in Italy, di prodotti e servizi di ogni singola categoria: dal ricevimento alla location, dalla luna di miele in hotel prestigiosi a tour indimenticabili tra i fantastici luoghi d'Italia, dagli atelier e all'haute couture al fotoreportage.

È prevista la partecipazione di 60/80 buyer internazionali e 120 seller italiani, tutti selezionati per presenza sul mercato, capacità produttiva e alta rappresentatività nelle rispettive categorie.

Per maggiori informazioni: www.borsadelmatrimonioinitalia.it

DA STYLE.IT

  • News

    Meteo: stop al caldo, torna l'inverno

    Meteo: stop al caldo, torna l'inverno

  • News

    Arrestata infermiera killer a Piombino

    Arrestata infermiera killer a Piombino

  • News

    I genitori di Giulio Regeni: «Vogliamo verità e giustizia per nostro figlio»

    I genitori di Giulio Regeni: «Vogliamo verità e giustizia per nostro figlio»

  • News

    Oscar 2016, trionfo Spotlight ma anche DiCaprio

    Oscar 2016, trionfo Spotlight ma anche DiCaprio

Iscriviti adesso alla newsletter settimanale di SPOSA