Wedding Cake in mostra

di Lorena Sironi 

Storia e tradizione di un dolce che rappresenta il momento magico del ricevimento di nozze

Lorena Sironi

Lorena Sironi

EditorScopri di piùLeggi tutti

<<>0
0/

Si è tenuta a Milano, in occasione della settimana del Salone del Mobile, ed è stato un evento davvero speciale! "Wedding Cake in mostra" è stato curato dalla wedding planner Silvia Pacitto, titolare di Dì di Sì, con il prezioso aiuto della sua collaboratrice e braccio destro Alice Mometti.

La mostra ripercorre, attraverso miniature e torte nuziali di dimensioni reali fatte realizzare da Silvia Pacitto, nel corso degli anni, a esperti maestri paticcieri, i diversi stili che interpretano i dolci carattersitici del matrimonio. All'interno dello show-room di Milano in via Solferino 24A, dove si è tenuto l'evento, una serie di poster narravano la storia e l'evoluzione delle wedding cake nel tempo.

Chi non avesse avuto modo di partecipare alla mostra potrà scorrere la nostra gallery, alla scoperta del magico modo delle wedding cake! Storia, tradizione, bon-ton e superstizione sul tema ve lo raccontiamo qui di seguito, attraverso i testi curati personalmente da Alice Mometti.

Storia e tradizione

Le prime testimonianze di dolce nuziale risalgono all'antica grecia dove era usanza che i giovani sposi, una volta contratto il matrimonio, tagliassero assieme una focaccia dolce al sesamo per propiziarsio amore, felicità e fertilità durante la loro vita coniugale. Spostandoci in un altro contesto, ovvero quello dell'Impero Romano, la tradizione mutava sostanzialmente a discapito della giovane sposina che si vedeva rompere sulla propria testa una torta a base d'orzo perché portasse fortuna alla coppia. Gli invitati, a questo punto, potevano fare a gara per accaparrarsi i pezzi più grossi del dolce benaugurale. Altre testimonianze sulla wedding cake si titrovano qualche secolo dopo nell'Inghilterra medioevale. Qui i festeggiamenti prendevano la forma di una prova di abilità in cui focaccione dolci venivano accatastate una sull'altra e gli sposi, arrampicandosi in cima senza cadere, avrebbero dovuto scambiarsi un bacio. Se la prova fosse andata a buon fine la coppia si sarebbe assicurata un avvenire prospero e felice. Nel 1600 la tradizone cambia e i dolci raddoppiano. Abbiamo così una torta dello sposo, dal colore scuro e ricca di frutta, e una torta della sposa, tipicamente in contrasto con la prima composta prevalentemente di pan di spagna e ricoperta di glassa bianca per simboleggiare verginità e purezza. La vera svolta si ha il 10 febbraio 1840 per il mstrimonio della Regina Vittoria di Gran Bretagna con il principe Alberto di Sassonia-Coburgo-Gotha. Per l'unione della coppia reale venne appositamente creata, per la prima volta nella storia, una wedding cake a più piani, a base di frutta completamente rivestita di una glassa composta da albume d'uovo e zucchero. Successivamente questo nuovo ntipo di copertura venne ribattezzata "Royal Icing" o "Ghiaccia reale", tutt'oggi usata dai cake-designer di tutto il momdo. Oggi la wedding cake è simbolo ufficiale della cultura anglosassone e americana ma si sta diffondendo in tutto il globo, inclusa la nosta penisola. In italia, infatti, è solo da qualche anno che iul dolce statunitense a più piani e ricoperto con pasta di zucchero ha preso il sopravvento sulla classica torta nuziale in uso nel nostro Paese. Sempre più coppie preferiscono personalizzare la propria torta con elaborate decorazioni piuttosto che rimanere fedeli alla torta di pan di spagna, farcita di crema e ricoperta di panna, alla criostata di frutta o alla tradizionalissima millefoglie. Sì, perché sono proprio queste ultime tipologie di dolce a fare parte della nostra tradizione e che, a differenza del modello d'oltreoceano, si sviluppano in orizziontale anziché in verticale. Attenzione però a non sottovalutarle, infatti anche se le wedding cake americane colpiscono per il loro effetto scenografico e teatrale putrroppo la qualità degli impastio e delle farciture non è sempre eccellente come può sembrare!

Simboli e superstizioni

Ogni matrimonio che si rispetti ha i suoi simboli e le sue superstizioni, così anche il momento del taglio dlla torta ha la sua buona dose di leggende.Sin dai tempi più antichi lo spezzare della torta o il bacio prima di mangiare il dolce erano tutti rituali di buon auspicio per una vita coniugale ricca di felicità, amore e fertilità. Uno dei gesti più in voga era quello di conservare un pezzo della torta da consumare successivamente in occasione del primo anniversario di nozze o per la nascita del primo figlio. Seguire questa tradizione implicava la realizzazione di una torta a base di frutta secca che quindi si sarebbe conservata per lungo tempo. Oggi si più facilmente congelare la wedding cake e gustrala anche dopo un lungo periodo senza correre richi. Altra tradizone legata alle fette di torta conservate dopo il matrimonio vedeva come protagoniste le amiche della sposa in età da marito ma non ancora ufficialmente impegnate che, tornate a casa dalla festa, riponevano una fetta di torta sotto il cuscino del proprio letto prima di coricarsi. Durante la notte la leggenda vuole che queste fanciulle avrebbero sognato il volto del loro futuro marito.

Bon ton e taglio della torta

Oggi la wedding cake riveste un'importanza fondamentale nel matrimonio perché conclude la giornata di festeggiamenti stupendo gli invitati in bellezza e in dolcezza. Nella tradizione italiana il taglio della torta sancisce uno dei momenti fondamentali del giorno delle nozze. Questo gesto rappresenta infatti la prima azione che gli sposi fanno insieme come unica identità familiare e sociale. Proprio per questo motivo è bene, ed altrettanto piacevole, recuperare quelle che, nel manuale di galateo, erano erano piccole e semplici regole per un perfetto comportamento in un'occasione pubblica ed unica nel suo genere. Nei paesi anglosassoni è usanza esporre la wedding cake durante tutto l'arco del ricevimento per essere ammirata da ogni singolo invitato in tutta la sua bellezza. Nella tradizione italiana, invece, non avviene tutto allo stesso modo. Dopo un'attenta preparazione e decorazione del luogo in cui si vuole eseguire il taglio della torta, il dolce viene esposto solo pochi minuti prima dellìarrivo degli sposi e dei loro invitati che assisteranno al gesto concluivo del ricevimento.Questo perché non solo la torta, che fino a pochi minuti prima era conservata in una cella frigorifera, arrivi fresca e in ottime condizion, ma soprattutto perché tutti in sala possano godere di un fantastico colpo di scena nel vedere il dolce in tutta la sua bellezza! A questo punto gli sposi procederanno entrambi al taglio della torta. La sposa tiene in mano il coltello e lo sposo sovrapporrà con delicatezza la sua mano a quella della moglie nel gesto cavalleresco di aiuto al taglio. Il primo ad essere servito con la fetta di dolce sarà il marito, a seguire la suocera e la mamma della sposa, poi il suocero e il padre della sposa.

Wedding Cake Toppers

Ovvero la decorazione sulla parte alta della torta. La tradizione vuole che in cima alla wedding cake sia posizionata una decorazione floreale. Oggi però si preferisce usare la riproduzione della coppia di sposi. In commercio se ne trovano di ogni forma e dimesione, personalizzabili in ogni dettaglio, dal colore dei capelli e della pelle, dall'inserimento di particolari che richiamano le peculiarità e carrateristiche degli sposi.

William, Kate e la Wedding Cake

Un matrimonio da favola non può non avere una wedding cake da favola. Il giorno delle nozze del principe William con Kate Middelton, al centro della "Galleria dei ritratti" di Buckingham Palace la protagonista era lei: la Royal Wedding Cake.

Il dolce tradizionale con farcitura alla frutta ricopertodi glassa bianca e avorio è stato commissionato alla celebre cake designer Fiona Cairns. Formata da un totale di otto piani in cui l'uno si differenziava dall'altro per via delle decorazioni tematiche, la torta aveva ben sedici tipologie floreali differenti, in totale novecento fiori e foglie in pasta di zucchero. Nulla è lasciato al caso, anzi, la simbologia è stata studiata magistralmente: nella wedding cake spiccavano mughetti, emblema di dolcezza e umiltà, foglie d'edera a testimoniare il legame del matrimonio, rose per la felicità, foglie di quercia e ghiande come forza e resistenza. Protagonisti del dolce tripudio floreale sono stati in ogni caso i fiori simbolo del Regno di Gran Bretagna: il trifoglio irlandese, il cardo scozzese, la rosa inglese e il narciso gallese.

A cura di Alice Mometti

www.weddingspacitto.net

DA STYLE.IT

  • News

    Meteo: stop al caldo, torna l'inverno

    Meteo: stop al caldo, torna l'inverno

  • News

    I genitori di Giulio Regeni: «Vogliamo verità e giustizia per nostro figlio»

    I genitori di Giulio Regeni: «Vogliamo verità e giustizia per nostro figlio»

  • News

    Oscar 2016, trionfo Spotlight ma anche DiCaprio

    Oscar 2016, trionfo Spotlight ma anche DiCaprio

  • News

    Unioni Civili, ddl Cirinnà arriva alla Camera

    Unioni Civili, ddl Cirinnà arriva alla Camera

Iscriviti adesso alla newsletter settimanale di SPOSA