Matrimonio: l'iter burocratico dei documenti

di Francesca Favotto 

Come per ogni cosa, anche per sposarsi occorre avventurarsi in queel'intricato mondo chiamato burocrazia. Ma niente paura: ecco il vademecum con tutti i documenti da presentare, dove reperirli e entro quando farlo.

Francesca Favotto

Francesca Favotto

ContributorScopri di piùLeggi tutti

<<>0
1/

DOCUMENTI E ATTI PER IL RITO CIVILE: La Legge Bassanini, in materia di autocertificazioni, ha di gran lunga snellito e semplificato l'iter per reperire tutti i documenti, che prima dovevano essere forniti dalla coppia, oggi invece tocca all'ufficio comunale produrli. Entrambi i promessi sposi, o uno solo, dovrà recarsi presso il proprio Comune di residenza almeno due mesi prima e richiedere i seguenti atti: atto di nascita; certificato con: residenza, stato libero e cittadinanza; sentenza di divorzio, se uno dei due nubendi è divorziato. A questo punto, il Comune fissa una data per la Promessa di matrimonio, più comunemente chiamata Consenso, a cui faranno seguito all'albo pretorio le pubblicazioni, che rimarranno affisse per otto giorni consecutivi in entrambi i Comuni di residenza dei due sposi. Per essere valido, gli sposi dovranno contrarre matrimonio entro i sei mesi successivi alle pubblicazioni, pena l'invalidità dei documenti presentati.

DOCUMENTI E ATTI PER IL RITO RELIGIOSO: Prima di tutto, vanno richiesti alla Parrocchia dove si sono celebrati i certificati di Battesimo e di Cresima, obbligatori per potersi sposare, ciò significa che chi desidera il rito religioso e non ha ancora ricevuto entrambi i sacramenti o uno solo, deve farlo prima di contrarre matrimonio. Poi occorrono: il certificato di stato libero, necessario solo se uno degli sposi o entrambi abbiano vissuto in una diocesi diversa da quella attuale, dopo il compimento del 16° anno d'età; il nulla osta ecclesiastico, per coloro che vogliono sposarsi in una chiesa diversa da quella del paese dei due sposi; attestato di frequenza al corso prematrimoniale: di solito organizzato nelle parrocchie, consiste in degli incontri in cui si affrontano argomenti inerenti alla coppia (figli, sessualità, vita quotidiana, educazione religiosa della prole…). Dopo aver reperito i seguenti documenti ed averli consegnati al prete celebrante, verranno affisse per otto giorni consecutivi le pubblicazioni religiose.

DOCUMENTI PER MATRIMONIO CON O FRA CITTADINI STRANIERI: Oltre alla documentazione prevista per i cittadini italiani, occorrono anche: il passaporto valido e il nulla osta rilasciato dal consolato o dall'ambasciata, con firma autenticata in Prefettura, se il paese d'origine non appartiene all'Unione Europea.

DA STYLE.IT

  • News

    Family every Day, il web risponde al Family Day

    Family every Day, il web risponde al Family Day

  • News

    Bansky, nuova opera dedicata ai "miserabili" di Calais

    Bansky, nuova opera dedicata ai "miserabili" di Calais

  • News

    Asterix e Obelix contro il terrorismo #JeSuisParis

    Asterix e Obelix contro il terrorismo #JeSuisParis

  • News

    Parigi, è il giorno dell'omaggio alle vittime

    Parigi, è il giorno dell'omaggio alle vittime

Iscriviti adesso alla newsletter settimanale di SPOSA