I più grandi matrimoni
di sempre:
John Lennon e Yoko Ono

di Francesca Favotto 

Lui era il baronetto del gruppo rock più famoso della storia; lei un'artista, una musicista, la donna della sua vita. Mandarono all'aria tutti i loro progetti di lavoro e di vita per essere semplicemente John e Yoko. Ecco qui la storia e tutti i retroscena del matrimonio più appassionato e controverso di sempre.

Francesca Favotto

Francesca Favotto

ContributorScopri di piùLeggi tutti

<<>0
1/

"Oh amore mio, per la prima volta nella mia vita i miei occhi sono ben aperti, oh amore mio, per la prima volta nella mia vita riesco a vedere". Così nel 1971 cantava John Lennon: la sua carriera da solista era ormai ben avviata, con sei album all'attivo tra cui il celeberrimo "Imagine", i Beatles sono stati archiviati e al suo fianco c'è colei che ha compiuto il miracolo di ridargli la vista, il suo unico grande amore: Yoko Ono. Lei, più grande di lui di sette anni (quest'anno ha, infatti, appena compiuto 80 anni), è stata accusata praticamente di tutto: di essere stata la causa della fine del secondo matrimonio di lui con Cynthia Powell e di aver 'rubato' l'anima geniale dei Beatles, causandone poi lo scioglimento; di aver irretito e sedotto quest'uomo più giovane, facendolo diventare un toy boy ante litteram e di averlo portato alla rovina come artista. Ma lui la amava, e tanto, e insieme se ne fregarono di tutto e di tutti.

Si conobbero a Londra nel 1966. L'occasione è una mostra di Yoko all'Indica Gallery. Lei, trentatré anni, è un'artista concettuale, erede di una ricchissima e conosciuta famiglia di banchieri. Da dieci anni è sposata con Anthony Cox, jazzista, con cui ha già una figlia, Kyoko Chan. Lui, a soli 26 anni, è già una star planetaria con i Beatles, e da quattro anni è sposato con Cynthia, dalla cui unione è nato Julian. I loro sguardi si incrociano ed è subito amore. Soprattutto, lui viene colpito dall'irriverente talento di lei, che tra le altre opere, espone una mela per venderla a 200 sterline. Passano anni di telefonate e di contatti sfuggenti, fino a che nel 1968, mentre Cynthia è in vacanza con il figlio, John invita Yoko per un weekend a casa sua nel Surrey. Passeranno tutta la notte in sala di registrazione e tutta la mattina a fare sesso, tanto che la leggenda narra della moglie che, rientrando a casa, si trova Yoko in vestaglia e suo marito che la saluta con un semplice "Ciao", come nulla fosse. Repentina è la richiesta di divorzio, tanto quanto il naufragio del matrimonio di Yoko. L'anno seguente, nel 1969, la coppia si sposa alla Rocca di Gibilterra e decide di trascorrere una luna di miele tanto particolare quanto famosa: non c'è nessuno sulla Terra che non abbia mai visto foto o sentito parlare dei sette giorni passati a letto nella suite presidenziale dell'Hilton Hotel di Amsterdam per un bed-in, forma di protesta pacifica contro la guerra in Vietnam, prima esperienza di condivisione a favore dell'arte e della pace, che contraddistinguerà tutta la loro vita insieme. Negli undici anni di matrimonio, infatti, incideranno otto album, poseranno per servizi fotografici ormai passati alla storia, porteranno avanti le loro cause pacifiste e faranno un figlio, Sean, nato nel 1975.

Un'unione simbiotica in cui ci sarà sempre un'impostazione gerarchica: "Il nostro rapporto è tra professore e allievo. Io ho la notorietà, ma è lei che mi ha insegnato tutto", racconterà poi John. Una disparità anagrafica e d'esperienza che John sentirà sempre e che lo porterà dopo il matrimonio ad aggiungere ai suoi due nomi John e Winston anche Ono. Un amore grande, una passione, una follia, un'ossessione l'uno per l'altra, che solo l'omicidio di lui, avvenuto nel 1980 fuori dal Dakota Building a New York, dove abitavano, per mano di un fan psicopatico che gli sparò quattro letali colpi di pistola, forse poté sopire.

Nonostante i lati oscuri e a volte controversi della loro relazione, Yoko contribuì a definire meglio la carriera e la personalità di uno dei più grandi artisti di sempre. Yoko aiutò John ad aprire bene i suoi occhi per vedere per la prima volta, e forse è per questo che attraverso le sue canzoni oggi anche a noi sembra di vedere meglio, di vedere davvero.

VEDI ANCHE:

RAIMONDO VIANELLO E SANDRA MONDAINI

PAUL NEWMAN E JOANNE WOODWARD

DA STYLE.IT

  • News

    Family every Day, il web risponde al Family Day

    Family every Day, il web risponde al Family Day

  • News

    Bansky, nuova opera dedicata ai "miserabili" di Calais

    Bansky, nuova opera dedicata ai "miserabili" di Calais

  • News

    Asterix e Obelix contro il terrorismo #JeSuisParis

    Asterix e Obelix contro il terrorismo #JeSuisParis

  • News

    Parigi, è il giorno dell'omaggio alle vittime

    Parigi, è il giorno dell'omaggio alle vittime

Iscriviti adesso alla newsletter settimanale di SPOSA