Sposarsi al mare

di Marianna Peluso 

Semplice, raffinato e spensierato. Ecco gli ingredienti per una festa di nozze in riva (o vicino) al mare.

Marianna Peluso

Marianna Peluso

ContributorScopri di piùLeggi tutti

<<>0
0/

Preferibilmente d'estate o in primavera, possibile anche in autunno, affascinante e poetico (ma poco fruibile) d'inverno. Il mare può essere la scelta per la location di nozze, ma anche il tema da seguire per una cerimonia che sa di sole e di sale. Sinonimo di vacanze, di serate in spiaggia a guardar le stelle, di una chitarra e tanti amici intorno a stonare le canzoni. Il mare è tutto questo e ancor di più: vivere all'aria aperta, tanti pensieri felici, primi amori (che a volte sono anche gli ultimi, quelli che durano per tutta la vita) e nozze a piedi nudi…

L'abito

Sia nel caso in cui si voglia di celebrare il rito civile (o simbolico) sulla spiaggia, sia che la spiaggia sia solo la scenografia del ricevimento, l'abito deve essere morbido e il tessuto superleggero. Sì allo chiffon, alle garze impalpabili, alla seta grezza, al cotone e al lino finissimo. Perfetto in lungo o corto, l'importante è lasciarsi conquistare da un modello non statico, dalle linee sinuose, con le spalline sottili o addirittura le spalle scoperte (per la chiesa c'è sempre la stola in velo multistrato, un coprispalle o un cache-coeur dello stesso tessuto del vestito). Decisamente sconsigliati i dettagli floreali sull'abito e la presenza di troppi cristalli (con la luce del sole, l'effetto è da palla stroboscopica).

Il make up

Attenzione al fattore "sole" (e soprattutto alle temperature previste). Per risolvere il problema, basta scegliere un trucco leggero molto naturale, con un tocco di terra abbronzante su tutto il viso, un blush color pesca per definire i lineamenti e l'illuminante sugli zigomi e sull'arcata sopraccigliare. Per le nuance di colore, però, lasciatevi sempre consigliare dal vostro truccatore: saprà sicuramente declinare questi consigli nella giusta tonalità per il vostro incarnato. Il focus del make up sarà lo sguardo (sottolineato solo da prodotti waterproof). Per le labbra, un velo di lucido color pastello oppure, più deciso, un gloss effetto bagnato. PS: ricordatevi di portare la cipria per un ritocchino durante la giornata (soprattutto per la zona T).

L'hair styling

Tema molto delicato, perché se il make up deve vedersela con la temperatura, l'hair styling deve vedersela con il fattore "vento". Per non rischiare, meglio puntare sui capelli sciolti (freschi di piega), oppure su un semiraccolto che lasci le ciocche libere di muoversi con la brezza marina. Le acconciature più elaborate rischiano di non arrivare al taglio della torta. Avete mai pensato all'ipotesi d'indossare un cappello bianco di paglia a tesa larga con banda ton sur ton al posto del velo? Meditate spose, meditate.

Accessori

Due perle ai lobi delle orecchie, oppure orecchini di platino a forma di stella marina, ma anche diamanti, acque marine, turchesi e coralli. Il tema marino si presta a infinite interpretazioni di stile con cui giocare, mischiando luce, tonalità tenui, declinazioni d'azzurro e colori caldi. Dopo aver pensato ai bijoux, è bene non sottovalutare l'argomento "scarpe". Se non si va in spiaggia, sono perfetti i sandali con tacco a stiletto o le open toe, ma se prima o poi i piedi sprofonderanno nella sabbia, decisamente più pratica (e originale) l'alternativa di sandali gioiello ultra-flat.

Lo sposo

Il vostro lui sarà felice di seguire il galateo… senza indossare tight e frac. Gli outfit formali per eccellenza infatti non possono essere indossati in caso di rito & ricevimento on the beach, perché sarebbero assolutamente fuori luogo. Perfetta invece una versione rivisitata del formale, magari in chiave vintage. Il nostro consiglio per lui? Abito blu tre pezzi con orologio da taschino (che fa tanto nostromo), camicia con gemelli, ascott o cravatta blu (magari a micro-pois bianchi) e mocassini scuri, pronti a esser sfilati per correre sulla sabbia (a dire sì).

Per gli invitati

Essendo un matrimonio a tema, anche gli invitati sono pregati di non discostarsi dallo stile. No alle fantasie floreali e alle linee geometriche (sono ammesse solo righe navy), no ai colori freddi. Il resto è tutto lecito: gli uomini possono scegliere abiti interi oppure spezzati da casual friday, mentre le invitate hanno un'infinita gamma di possibilità che va da abiti leggeri sulle tonalità marine, ai colori caldi e solari come il giallo, l' arancio o un sofisticato color corallo (anche da abbinare tra loro). Altra idea per il look dell'amica? Reinterpretare star & stripes in stile marines.

Location

Un hotel con terrazza panoramica vista mare, oppure un ristorantino di pescatori sul molo, allestito con tavoli sparsi lungo la banchina. O ancora, per un matrimonio da vip, ville e palazzi con attracco privato, da raggiungere in barca o con taxi boat dedicati agli ospiti. A Ischia, Capri e in altri piccoli gioielli al largo delle nostre coste, ci sono anche castelli e location con piattaforme private che si trasformano da solarium a sala da ricevimenti (occhio solo all'accessibilità: alcuni si raggiungono solo attraverso scalini tagliati nella roccia. Poetico sì, ma poco pratico).

Allestimento

Ecco qui il capitolo più divertente del tema marino, in cui è possibile sbizzarrirsi, osare, fantasticare. Il tableau mariage potrebbe essere a tema spiagge (dalle più belle d'Italia, alla selezione dei nomi più noti in tutto il globo) e i tavoli impreziositi da conchiglie, coralli, stelle marine, ancore, barchette, bussole e cristalli disposti su tovaglie di lino o in pizzo san gallo. Qualche idea in più? La bottiglia affidata al mare: ogni ospite potrebbe scrivere un augurio speciale per gli sposi e poi inserirlo in una bottiglia opportunamente decorata (uno speciale guest book). Infine i confetti: confezionateli in rete e voile (evocando così la rete dei pescatori).

Menù

Il tema, in questo caso, è preponderante. Il menù non può che essere a base di pesce: finger food e antipasti di mini-fritti al cartoccio (apprezzati da tutti, non solo dai più piccoli), risotto ai frutti di mare, linguine all'astice, pesce spada ai ferri, tagliata di tonno e carpaccio di marlin (in onore di Ernest Hemingway e de "Il vecchio e il mare") sono solo alcuni dei deliziosi spunti possibili. Pensate sempre a un'alternativa per chi non ama il pesce, per gli inviati celiaci e per le amiche in gravidanza (che non possono mangiare proprio tutto…)

Bambini

Indispensabile la presenza di fish & chips sulle loro tavole! Potrebbe essere la prima volta che i genitori non sono costretti a chieder loro di finire la cena. Anche l'animazione in questo caso è facilitata: i giochi possono declinarsi in tutte le sfaccettature del tema mare, passando dai racconti del mitologico Poseidone greco (ovvero Nettuno, nella concezione etrusca e romana), fino alle avventure del piccolo pesce pagliaccio Nemo. Se predisponete un angolo dedicato al teatro di figura, la favola prescelta potrebbe essere "La sirenetta". No, gli adulti non sono ammessi.

DA STYLE.IT

  • News

    Family every Day, il web risponde al Family Day

    Family every Day, il web risponde al Family Day

  • News

    Bansky, nuova opera dedicata ai "miserabili" di Calais

    Bansky, nuova opera dedicata ai "miserabili" di Calais

  • News

    Asterix e Obelix contro il terrorismo #JeSuisParis

    Asterix e Obelix contro il terrorismo #JeSuisParis

  • News

    Parigi, è il giorno dell'omaggio alle vittime

    Parigi, è il giorno dell'omaggio alle vittime

Iscriviti adesso alla newsletter settimanale di SPOSA