Letture matrimonio: guida per scegliere i brani per le nozze

di Francesca Favotto 

Sono uno degli aspetti più trascurati, eppure sono fondamentali per la buona riuscita delle nozze: sono le letture del matrimonio, quei brani che vengono letti durante il rito e che in qualche modo, raccontano un po' di voi e della vostra storia d'amore. Ma come fare a sceglierli? E a chi spetta questo compito?

Francesca Favotto

Francesca Favotto

ContributorScopri di piùLeggi tutti

Spesso, mentre si organizza un matrimonio, sono uno degli aspetti che più si tralascia, si rimanda, gli si dà meno importanza, convinti che non siano fondamentali o che qualcuno ci penserà al posto vostro. E invece, anche loro sono essenziali affinché tutto si svolga come lo avevate sempre sognato, perché tutto rispecchi voi e la vostra storia d'amore: stiamo parlando delle letture del matrimonio, i brani da leggere durante la cerimonia, che sia religiosa o civile, da scegliere attentamente e non da delegare al celebrante perché passi il messaggio che davvero volete veicolare a chi amate ed è lì presente a condividere la vostra gioia.

Ecco una piccola guida utile per capire come destreggiarsi nel mare magnum di letture disponibili per il rito del matrimonio e per non fare brutte figure durante la cerimonia: buona lettura, è proprio il caso di dirlo!

Rito religioso: Il rito religioso consiste in una messa celebrata appositamente per la coppia in procinto di sposarsi, durante il quale il parroco recita la formula del matrimonio. In questo caso, gli sposi hanno la possibilità di scegliere le letture da leggere durante la messa e anche chi avrà il compito di declamarle dal pulpito. La prima e la seconda lettura e il salmo devono essere scelti rispettivamente dall'Antico e dal Nuovo Testamento, così come il Vangelo. Molti i brani indicati per l'occasione: dall'episodio delle Nozze di Cana, alla creazione di Eva nella Genesi, fino al Cantico dei Cantici... Qui, gli sposi possono chiedere consulenza al prete che li ha seguiti durante il corso fidanzati oppure che celebrerà le nozze per avere la lista dei brani consigliati e per scegliere poi quelli più giusti per loro. In alternativa, c'è chi sceglie di sposarsi anche durante la messa domenicale: in quel frangente, c'è meno possibilità di manovra. Agli sposi, infatti, viene concesso al massimo di scegliere una delle due letture, ma il resto, compreso il Vangelo, rimane quello stabilito dalla Chiesa per quella domenica.

Dimenticate di poter leggere lettere d'amore o le famose 'promesse', moda che sta arrivando da oltreoceano e sta prendendo piede anche in Italia: il rito religioso non prevede momenti di libertà in cui poter lasciarsi andare a cose sdolcinate di questo tipo. Vi sarà lo spazio e il tempo adatti dopo, durante il ricevimento.

Rito civile: Il rito civile è molto più breve di quello religioso: l'officiante legge gli articoli del Codice Civile davanti a sposi e testimoni e li dichiara marito e moglie per lo Stato. Però, c'è più ampio spazio di personalizzazione: se lo si desidera, concluso il rito, si possono leggere delle lettere personali rivolte al partner oppure dei brani d'amore scritti dai più grandi poeti e letterati di ogni tempo, oppure qui ci si possono scambiare le famose promesse, tipiche del matrimonio americano.

DA STYLE.IT

  • News

    Meteo: stop al caldo, torna l'inverno

    Meteo: stop al caldo, torna l'inverno

  • News

    Arrestata infermiera killer a Piombino

    Arrestata infermiera killer a Piombino

  • News

    I genitori di Giulio Regeni: «Vogliamo verità e giustizia per nostro figlio»

    I genitori di Giulio Regeni: «Vogliamo verità e giustizia per nostro figlio»

  • News

    Oscar 2016, trionfo Spotlight ma anche DiCaprio

    Oscar 2016, trionfo Spotlight ma anche DiCaprio

Iscriviti adesso alla newsletter settimanale di SPOSA