Cos'è e come funziona il corso prematrimoniale

di Francesca Favotto 

Se ne sente tanto parlare, ma pochi sanno davvero in cosa consiste: si tratta del corso prematrimoniale, obbligatorio per chi vuole sposarsi in chiesa. Ecco una piccola guida per capire meglio cos'è e come funziona.

Francesca Favotto

Francesca Favotto

ContributorScopri di piùLeggi tutti

Uno degli scogli insormontabili per chi si vuole sposare, e vuole farlo in chiesa, non è tanto l'organizzazione in sé dell'evento, quanto il partecipare ai corsi prematrimoniali. Tanti li trovano inutili, una perdita di tempo, altre coppie non sanno nemmeno da dove si inizi. Qui un piccolo vademecum per non sbagliare, partendo da un unico presupposto da cui non si può prescindere: se si vuole pronunciare il fatidico sì sull'altare, bisogna assolutamente frequentarlo.

Per cominciare, ci si può rivolgere alla propria parrocchia d'appartenenza o al prete scelto per celebrare la cerimonia: di solito le parrocchie o i decanati ne organizzano ripetutamente, a cicli semestrali. Durano di norma un paio di mesi, circa una decina di incontri o anche meno, tenuti da un prete o da coppie sposate selezionate appositamente per sostenere il ruolo. In alcuni casi, son previsti anche interventi di specialisti, come ginecologi, psicologi o educatori per approfondire alcuni argomenti comuni a tutti i corsi prematrimoniali: procreazione, metodi anticoncezionali naturali, come poter convivere e andare d'accordo anche a distanza di anni, come non stravolgere la coppia se arrivano i figli, l'educazione di questi ultimi... sempre con un occhio di riguardo a quanto dice la Chiesa e il Vangelo in proposito. Si tratta di un cammino spirituale verso una scelta precisa, intrapreso insieme a una guida pastorale e ad altre coppie che hanno fatto la stessa scelta. Non sono quindi esclusi degli incontri di preghiera e di approfondimento delle letture bibliche a tema matrimonio. Gli incontri di solito si tengono nella parrocchia di appartenenza di uno dei due sposi, oppure anche presso dei consultori.

Durante la frequenza, verranno richiesti dei documenti precisi, per dimostrare di avere tutte le carte in regola: i certificati di battesimo, comunione e cresima, come prima cosa; poi, si dovrà provvedere al consenso, alle pubblicazioni in Comune e in Chiesa, che staranno affisse per una quindicina di giorni, per permettere a chi fosse contrario, di recarsi in Parrocchia e fornire le proprie motivazioni. Infine, il corso prematrimoniale rilascerà un attestato di frequenza, necessario per potersi sposare regolarmente.

DA STYLE.IT

  • News

    Meteo: stop al caldo, torna l'inverno

    Meteo: stop al caldo, torna l'inverno

  • News

    Arrestata infermiera killer a Piombino

    Arrestata infermiera killer a Piombino

  • News

    I genitori di Giulio Regeni: «Vogliamo verità e giustizia per nostro figlio»

    I genitori di Giulio Regeni: «Vogliamo verità e giustizia per nostro figlio»

  • News

    Oscar 2016, trionfo Spotlight ma anche DiCaprio

    Oscar 2016, trionfo Spotlight ma anche DiCaprio

Iscriviti adesso alla newsletter settimanale di SPOSA