Verdone. Posti in piedi in paradiso, con sottofondo rock

di Laura Frigerio 

Il regista-attore romano presenta il suo nuovo film, con protagonisti Micaela Ramazzotti, Pierfrancesco Favino e Marco Giallini. E non mancano anche dei consigli musicali...

Laura Frigerio

Laura Frigerio

ContributorLeggi tutti

Carlo Verdone torna al cinema con una commedia agro-dolce, che come non mai attinge dalla realtà per offrire un quadro tenero, malinconico e al tempo stesso divertente.

Posti in piedi in Paradiso racconta la storia di tre uomini separati con prole che, a causa di una crisi che rende ancora più difficile staccare un assegno di mantenimento, si ritrovano a dividere appartamento e quotidianità. Ad interpretarli Pierfrancesco Favino, Marco Giallini e lo stesso Carlo Verdone, che si trovano come controparte femminile una Micaela Ramazzotti, nei panni di una dottoressa dolce e un po' pazzerella.

«Era un po' che avevo in mente di usare il Paradiso come luogo, almeno per il titolo del mio film» - racconta Verdone - «Poi una sera sono andato al cinema Eden, a Roma, con mio figlio e la cassiera è saltata fuori a dire che i posti in piedi erano terminati e così è arrivato, come un'illuminazione, questo Posti in piedi in Paradiso».

Nel film il regista-attore romano conferma la sua grande passione per la musica, interpretando Ulisse Diamante, un ex produttore discografico di successo ridotto a vendere vinili in un piccolo negozio di sua proprietà. A questo proposito Verdone tiene a precisare: «Non voglio fare il nostalgico a tutti i costi, però è certo che una volta la scena rock era creativa ed effervescente. Io voglio sentire l'anima nella musica e oggi c'è sempre meno, forse perchè non ci sono ideali».

E quando gli si chiede qualche consiglio, non ha dubbi: «L'ultimo album di Scott Walker è straordinario e anche quello di Kate Bush. Poi mi piacciono molto i Kasabian. Peccato che in testa alle classifiche veda sempre Adele: non che non sia brava, ma non mi dice un granché».


Inserisci il tuo indirizzo email per iscriverti alle newsletter di Style.it