Claudia Pandolfi, punk e ribelle per (il giovane) Virzì

di Angela Cinicolo 

L'attrice di Un medico in famiglia sfoggia capelli ossigenati e suona il basso nella commedia vintage che omaggia il rock di provincia

Angela Cinicolo

Angela Cinicolo

Leggi tutti

Per Carlo Virzì, fratello minore di Paolo, non ci sono tanti dubbi: I più grandi di tutti nel campo musicale sono i vecchi artisti del rock. Nella sua commedia, fresca e corale, l'ex leader della band livornese Snaporaz ci ha tenuto a citarli e omaggiarli i suoi idoli: da Frank Zappa a Iggy Pop, dai Beatles ai Rolling Stones. Ma nel film "ambientato nel contesto musicale perché era quello che conoscevo meglio e quello in cui mi sarei potuto muovere con più disinvoltura", ha spiegato il regista toscano, sono i Pluto, un piccolo gruppo di Rosignano Solvay a farla da protagonista. Nei panni dei suoi ex componenti, musicisti degli anni '90 che da grandi faticano ad adeguarsi alla vita "normale" della classe borghese che accende il mutuo e festeggia le comunioni in famiglia, Claudia Pandolfi, l'ex Dandy di Romanzo criminale Alessandro Roja, Marco Cocci e Dario Kappa Cappanera. Con loro nel cast anche Corrado Fortuna, Claudia Potenza, Frankie Hi Nrg Mc e Catherine Spaak.

«La musica è sempre stata molto presente nella mia vita e suonare in questo film è stato per me una meta: in passato avevo molestato molti strumenti, ma con il basso è stata la mia prima volta. E' stato difficile imparare da un giorno all'altro a suonarlo, ma mi sono divertita tanto. Mi sono venuti i calli alle dita, anche se il suono che sentirete nel film viene dal basso suonato da Carlo», ha rivelato Claudia Pandolfi, che nel film è Sabrina, l'unica donna del gruppo.
Lasciata la musica, sembra aver intrapreso la strada familiare più sicura e posata, ma quando le si presenta l'occasione di rifare un tuffo nel passato, tornare a imbracciare il suo strumento sul palco, ossigenarsi i capelli e indossare maxi t-shirt su calze a rete e amoreggiare come una hippie con Mao (Cocci), eterno Peter Pan della band, non ha dubbi.
«Sabrina non è in bilico tra due decisioni, galleggia e per questo si sposta in base alla corrente. E' stata raccolta da un uomo dopo che si è consumata tra droga, sesso e rock'n'roll, ma appena arriva l'occasione scappa. E' una donna confusa, un po'... punk. E' un personaggio che mi è piaciuto tanto perché sdogana il meteorismo (sì avete capito bene il meteorismo!!) femminile e va lontano dall'immagine garbata e rassicurante di una femmina che vuole piacere a chiunque a tutti i costi. Lei si ritrova con gli amici, si confronta col passato e si fa trascinare in maniera evanescente. Una posizione nella vita non ce l'ha... Trovategliela voi».

DA STYLE.IT

  • Star

    Claudia Pandolfi, eleganza in movimento

    E' questo il premio Lancia vinto dall'attrice al Festival Internazionale del Film di Roma (di cui era madrina)

  • Star

    Playlist vip: la selezione musicale di Claudia Pandolfi

    L'attrice, protagonista del film rock I più grandi di tutti, ci svela quali sono i suoi gusti in fatto di musica