Nastri d'argento 2012: Paolo Sorrentino grande vincitore assente

di Laura Frigerio 

This must be the Place è il miglior film dell'anno, ma il regista non è riuscito a essere a Taormina per ritirare il premio

Laura Frigerio

Laura Frigerio

ContributorLeggi tutti


This must be the place

This must be the place

Si è tenuta nella magica atmosfera del Teatro Antico di Taormina, la cerimonia di premiazione dei Nastri d'argento, riconoscimenti assegnati ogni anno dal Sindacato Nazionale Giornalisti Cinematografici. A fare da padrona di casa l'attrice Stefania Rocca, che ha chiamato sul palco i vincitori di questa edizione.

Grande assente, pare giustificato, Paolo Sorrentino che con il suo This must be the Place si è aggiudicato il Nastro d'argento come regista del miglior film. La pellicola si porta a casa premi anche per la fotografia (andato a Luca Bigazzi) e per la scenografia (a Stefania Cella).

Miglior commedia è invece Posti in piedi in Paradiso di Carlo Verdone.

Sul fronte attori non ci sono grandi sorprese, anzi alcune conferme. Ritroviamo infatti, dopo i David di Donatello, la coppia Pinelli di Romanzo di una strage: Pierfrancesco Favino a cui va, anche grazie ad A.C.A.B., il Nastro come miglior attore protagonista e Michela Cescon, ancora una volta miglior attrice non protagonista.

Rispettati poi i pronostici che volevano Micaela Ramazzotti come migliore protagonista (con Posti in piedi in Paradiso e Il cuore grande delle ragazze) e Marco Giallini come miglior non protagonista (per A.C.A.B. e Posti in piedi in Paradiso).

Dopo il David di Donatello, Francesco Bruni si guadagna anche il Nastro d'Argento sempre nella categoria miglior regista esordiente per la sua commedia Scialla!.

Non è stato naturalmente escluso un altro film che, nell'ultima stagione, ha fatto la parte del leone, ovvero Cesare deve morire dei Taviani a cui va il Nastro dell'anno 2012.

Nella rosa dei premiati (con Nastri più 'tecnici') anche Magnifica presenza di Ferzan Ozpetek e Diaz di Daniele Vicari.

Il Nastro europeo Bulgari è andato a Matteo Garrone.

E guardando all'estero: miglior film europeo è The Artist di Michel Hazanavicius, mentre extraeuropeo è Drive di Nicolas Winding Refn.

> PIU' CINEMA
> PIU' STAR

DA STYLE.IT

  • News

    Meteo: stop al caldo, torna l'inverno

    Meteo: stop al caldo, torna l'inverno

  • News

    Arrestata infermiera killer a Piombino

    Arrestata infermiera killer a Piombino

  • News

    I genitori di Giulio Regeni: «Vogliamo verità e giustizia per nostro figlio»

    I genitori di Giulio Regeni: «Vogliamo verità e giustizia per nostro figlio»

  • News

    Oscar 2016, trionfo Spotlight ma anche DiCaprio

    Oscar 2016, trionfo Spotlight ma anche DiCaprio

Da Vanity


Inserisci il tuo indirizzo email per iscriverti alle newsletter di Style.it