Biancaneve e il cacciatore, dentro la favola trasformata in goth novel

di Redazione Cinema 

Nel nuovo film con Kristen Stewart e Charlize Theron, a 200 anni, la delicata Snow White cambia radicalmente pelle per diventare, parola del regista, «la risposta femminile a Luke Skywalker»

Redazione Cinema

Redazione Cinema

Scopri di piùLeggi tutti

Biancaneve e il cacciatore, in uscita l'11 luglio 2012, tra trailer e clip di anteprima, promette emozioni dark e una terribile, quanto seducente, regina cattiva contrastata da una Biancaneve degna di scontrarsi con i guerrieri più eroici della filmografia in costume. Ma gli elementi di fascino del nuovo action-fantasy dell'estate non si esauriscono qui.

Il  gioco delle piccole differenze!
Anche se il motivo di novità della pellicola è una Biancaneve guerriera ed emancipata, non ma mancano altre piccole variazioni che aiutano a fare la differenza.
Il classico principe delle favole cede il posto al duca, amico di infanzia di Biancaneve. La regina cattiva, Ravenna, ha un fratello che non le è da meno. E lei, testa coronata e maga, non attenta alla principessa per essere la sola bellezza del reame ma perché, come un vampiro, non può mantenersi bella senza berne il sangue e cibarsi del suo cuore.

Metti un cast di stelle con un team visionario
Se sulla locandina, a fare da richiamo sono Kristen Stewart, Charlize Theron e Chris Hemsworth, accanto al regista Rupert Sanders, ci sono alcuni tecnici e creativi esperti in suspense e magia. Il produttore Sam Mercer vanta tra i suoi titoli un cult rivoluzionario come Il Sesto senso, al montaggio c'è Conrad Buff (Oscar per Titanic) e la colonna sonora è firmata da James Newton Howard (Hunger games, Il cavaliere oscuro). Per non parlare dei costumi di Coleen Atwood, Oscar per Alice in Wonderland, Chicago e Memorie di una geisha. Solo lei meriterebbe il biglietto del cinema: per l'occasione la costumista ha partorito 1000 look!

Quando la statura è tutta nella recitazione
A interpretare sette nani ben lontani (nei nomi quando nelle funzioni)  da quelli della favola c'è un team di super attori britannici 'capitanato' dai veterani Ian McShane e Bob Hoskins.

Cambiano i tempi, ma non i simboli
Sono passati 200 anni dalla pubblicazione della favola dei fratelli Grimm e se la storia subisce un restyling, questo non colpisce i suoi simboli principali. La mela rappresenta ancora il frutto dell'albero della vita, richiamo alla nostra mortalità, e il dualismo tra Biancaneve e la regina altro non è che quello tra la Morte e la Vita, incarnate in Male e Bene.

Perché proprio Charlize e Kristen?
Pare che individuare le protagoniste sia stata un'impresa. La regina doveva essere tanto bella quanto terribile, la principessa tanto ingenua quanto grintosa. Charlize ha vinto il primo ruolo forte di interpetazioni come quella di Monster e seduzioni come quella che l'ha lanciata, nello spot Martini. Il suo fascino? «E' potente, intensa e bellissima: un misto tra Margareth Tatcher e Kate Moss», spiega il regista, che ha lavorato con lei in passato.
Kristen Stewart si è aggiudicata il ruolo perchè l'unica ad aver fatto del dualismo della nuova Biancaneve quasi un marchio di fabbrica dopo aver vestito i panni di Bella Swan, adolescente introversa finalmente trasformata in vampiro nella saga Twilight.
>> HOLLYWOOD GOES FAIRY: NOVITA' AL CINEMA (E NON SOLO)
>> DALLA COMMUNITY: CHARLIZE MALEFICA
>> C'ERA UNA VOLTA, LE FAVOLE IN E-BOOK
>> LILY COLLINS, L'ALTRA BIANCANEVE
>> BIANCANEVE E I SETTE DESIGNER

> PIU' CINEMA
> PIU' STAR

DA STYLE.IT

  • News

    Meteo: stop al caldo, torna l'inverno

    Meteo: stop al caldo, torna l'inverno

  • News

    Arrestata infermiera killer a Piombino

    Arrestata infermiera killer a Piombino

  • News

    I genitori di Giulio Regeni: «Vogliamo verità e giustizia per nostro figlio»

    I genitori di Giulio Regeni: «Vogliamo verità e giustizia per nostro figlio»

  • News

    Oscar 2016, trionfo Spotlight ma anche DiCaprio

    Oscar 2016, trionfo Spotlight ma anche DiCaprio


Inserisci il tuo indirizzo email per iscriverti alle newsletter di Style.it