Locarno: Pardo d'Oro a Jean-Claude Brisseau

di Laura Frigerio 

La 65a edizione del Festival del Film Locarno è stata vinta dal film La fille de nulle part del cineasta francese Jean-Claude Brisseau

Laura Frigerio

Laura Frigerio

ContributorLeggi tutti

Ieri sera si è conclusa la 65a edizione del Festival del Film Locarno, con la consueta proclamazione dei vincitori. Il Pardo d'Oro è andato La fille de nulle part del cineasta francese Jean-Claude Brisseau.

Il film racconta la storia di un professore di matematica in pensione, la cui vita subisce una scossa quando compare Dora, una giovane senzatetto che lui decide di ospitare e il cui arrivo porterà in casa dei fenomeni misteriosi.

«Questo film ci ha convinto, perchè crediamo che il regista abbia fatto delle scelte interessanti e soprattutto forti» - ha dichiarato il presidente di giuria, ovvero il regista Apichatpong Weerasethakul (Palma d'oro a Cannes nel 2010 con Lo zio Boonmee che si ricorda le vite precedenti) - «E poi è pieno di impressioni, richiami e riferimenti cinematografici».

Il Premio speciale della giuria è andato invece a Somebody Up There Likes Me dello statunitense Bob Byington. Il film Wo Hai You Hua Yao Shou (coproduzione Corea del Sud-Cina) si porta invece a casa il Pardo per la migliore regia andato a Ying Liang e quello per la migliore interpretazione femminile ad An Nai.
Migliore interpretazione maschile è invece quella di Walter Saabel in Der Glanz Des Tages, diretto da Tizza Covi e Rainer Frimmel.