Venezia 2012. Con Disconnect di scena i rapporti ai tempi dei social network

di M. M. 

Bullismo, frodi informatiche, prostituzione virtuale... Tre storie di persone, ambizioni, insicurezze, dolori e solitudini, in un presente dominato dalla tecnologia e dai social network lanciano nuove domande e riflessioni

M. M.

M. M.

ContributorLeggi tutti

Nel mondo sempre connesso di oggi, tre storie si intersecano. Bullismo, frodi informatiche, prostituzione virtuale...: storie di persone, di ambizioni, insicurezze, dolori e solitudini, in un presente dominato dalla tecnologia e dai social network, diventati una droga contro le solitudini, dove le persone di connettono veramente tra loro solo quando (o se) si disconnettono dalla rete.

Non si era ancora visto, in questa Mostra, un film capace di raccontare, con originalità e compassione, uno spaccato del quotidiano di tutti noi, sempre più schiavi delle new technologies che hanno ridefinito in maniera inquietante i nostri rapporti umani. Ci è riuscito Disconnect, di Henry-Alex Rubin, presentato fuori concorso al 69° Festival di Venezia, che potremo vedere in sala a primavera 2013, accolto con applausi entusiasti.

 

"L'illuminazione, la scintilla del film l'ha avuta lo sceneggiatore, Andrew Stern, che una sera si è trovato a cena con 5 amici e tutti erano impegnati a parlare al telefonino con altri", spiega il regista, qui alla sua prima prova nel lungometraggio di fiction, ma già candidato all'Oscar nel 2006 per il documentario Murderball. "Il film parla di esseri umani - prosegue Rubin - e forse pone delle domande: quanto tempo è meglio lasciare che un figlio resti collegato? E' giusto andare a cena e avere il cellulare sempre in mano? Ma io non ho le risposte".

 

Benché il film non voglia moraleggiare o lanciare un J'accuse contro Facebook e similia, è innegabile che questi non ne escano benissimo. Qualche riscontro da parte di Zuckerberg? "Nessuno ha ancora visto il film tranne voi - risponde il produttore William Horberg - Abbiamo finito di montarlo giovedì e venerdì abbiamo caricato le pizze con noi sull'aereo per venire qui a Venezia. In realtà siamo stati molto attenti a non citare esplicitamente grandi corporates... quello che ci interessava era un discorso più generale sulla tecnologia nel mondo di oggi...".

DA STYLE.IT

  • News

    Meteo: stop al caldo, torna l'inverno

    Meteo: stop al caldo, torna l'inverno

  • News

    Arrestata infermiera killer a Piombino

    Arrestata infermiera killer a Piombino

  • News

    I genitori di Giulio Regeni: «Vogliamo verità e giustizia per nostro figlio»

    I genitori di Giulio Regeni: «Vogliamo verità e giustizia per nostro figlio»

  • News

    Oscar 2016, trionfo Spotlight ma anche DiCaprio

    Oscar 2016, trionfo Spotlight ma anche DiCaprio

Da Vanity


Inserisci il tuo indirizzo email per iscriverti alle newsletter di Style.it