Ain't Them Bodies Saints: Rooney Mara e Casey Affleck come Bonnie e Clyde

di Ilaria Rebecchi 

Al festival di Cannes, nella settimana della critica, anche (un omaggio a) il mito del fuorilegge tipico del cinema americano. Con due interpreti d'eccezione e un giovane (baffuto) talento alla regia

Ilaria Rebecchi

Leggi tutti


Rooney Mara e Casey Affleck - Getty Images

Rooney Mara e Casey Affleck - Getty Images

La Semaine del Sessantaseiesimo Festival di Cannes propone una deliziosa pellicola a opera del giovane regista di Dallas David Lowery, Ain't Them Bodies Saints, che un po'ricorda l'onirico Terrence Malick e un po' il western made in Usa, con protagonisti Casey Affleck e Rooney Mara.

«All'inizio della scrittura volevo fosse un action movie», confessa il regista dal folto baffo retrò, aggiungendo: «in seguito ho preferito approfondire il prima e il dopo delle scene d'azione, e tutto il contorno emotivo-sentimentale. Volevo però giocare un po' sul mito del fuorilegge tipico del cinema americano, e Casey, con la sua passata esperienza da protagonista ne L'assassinio di Jesse James e Rooney sono stati assolutamente perfetti, al punto che una volta entrati nella parte hanno saputo capire i loro personaggi meglio ancora di me che li avevo creati».
E la bella Rooney Mara, fasciata in un abito maschile in total black con capelli raccolti e trucco acqua e sapone incalza: «Questa è una storia che può ricordare quella di Bonnie e Clyde, i fuorilegge innamorati più famosi del cinema, ma siamo negli anni '70 e qui c'è più amore, e quando ho letto la sceneggiatura per la prima volta un anno fa l'ho adorata immediatamente! ».
Il suo ruolo in Ain't Them Bodies Saints è molto tormentato: «Sono una ragazza molto innamorata e sbandata, fino a che, dopo una rapina finita male con il mio amato dovrò separarmi da lui, incinta. La sua ossessione per ritrovare, una volta uscito di prigione me e il nostro piccolo, farà evadere dal carcere il personaggio di Casey fino a ritrovarmi corteggiata dal poliziotto, ormai madre desiderosa di poche scorribande».
La Mara, che ha appena finito di lavorare proprio in Untitled Terrence Malick project con Ryan Gosling, Natalie Portman, Michael Fassbender e Cate Blanchett, aggiunge: «Non mi vedo assolutamente come una celebrity. Quando sono a casa vado al supermercato e nessuno mi riconosce. È ai festival che è tutto sotto i riflettori, tra interviste e party, ma la vita quotidiana è un'altra cosa».
Una cosa è certa: «Mi piacerebbe tanto lavorare con mia sorella (Kate, vista in American Horror Story - ndr), spero accada presto!»
E Rooney ama la lettura, anche se non riesce a leggere mai abbastanza perché il rischio di «confondere realtà, ruolo in uno script e storia di un libro, è dietro l'angolo», e l'ultimo film che ha visto è stato The Croods.

> PIU' CANNES
> PIU' STAR
E ANCORA: TUTTI I VIP DALLA A ALLA Z - ULTIMISSIME - TUTTI GLI ARGOMENTI DALLA A ALLA Z

DA STYLE.IT

  • Bellezza

    Rooney Mara, nuovo volto Calvin Klein Fragrances

    L'attrice statunitense è la testimonial della nuova fragranza Downtown Calvin Klein

  • Bellezza

    La nuova Hollywood

    Giovani, piene di talento ma non solo: scopri con noi i look beauty delle nuove promesse di Hollywood.

  • Bellezza

    Capelli: coda di cavallo bassa, alta, laterale

    Può essere alta sulla sulla testa, bassa sulla nuca, cotonata o tiratissima ma la coda di cavallo resta sempre tra le acconciature più amate, a tutte le età. Comoda per raccogliere i capelli quando serve o per darsi un tono particolare in occasioni speciali. Come ultimamente vediamo fare, sempre più spesso, da molte star. A iniziare da Gwyneth Paltrow, Sandra Bullock, Diane Kruger e molte altre sul red carpet degli Oscar

  • Bellezza

    Oscar, the winner is...

    Ai beauty-look i premi li diamo noi. Il rossetto più bello, il raccolto più originale, quella particolare tonalità di ombretto così azzeccata o quella che proprio sarebbe stato meglio evitare. In quanto a bellezza la vincitrice secondo noi è...


Inserisci il tuo indirizzo email per iscriverti alle newsletter di Style.it