Jim Carrey condanna il suo stesso film: Kick Ass 2 è troppo violento

di Manuela Puglisi 

Dopo la strage alla scuola Sandy Hook lo scorso dicembre, l'attore ha cambiato idea e non se la sente di promuovere il sequel di Kick Ass

Manuela Puglisi

Manuela Puglisi

ContributorLeggi tutti


Jim Carrey

Jim Carrey

Uno degli attori comici più apprezzati degli ultimi vent'anni, Jim Carrey si è dissociato dal suo ultimo film Kick Ass 2. Ha spiegato che non se la sente di dare il suo appoggio ad un film dai toni tanto violenti. «Ho girato Kick Ass 2 prima di Sandy Hook» ha twittato riferendosi alla sparatoria dello scorso dicembre, in cui hanno perso la vita 20 bambini e sei adulti. «Ora, in tutta onestà, non posso sponsorizzare quel tipo di violenza. Faccio le mie scuse a tutti quelli che hanno lavorato al film con me. Non me ne vergogno, ma i recenti avvenimenti mi hanno fatto cambiare idea».

Il film uscirà comunque nelle sale quest'estate, negli Stati Uniti, e Mark Miller, uno degli autori, ha risposto «Jim è un appassionato sostenitore del controllo delle armi e rispetto assolutamente le sue idee politiche. Sono confuso, però, dalla sua dichiarazione, nel film non c'è nulla di nuovo rispetto a 18 mesi fa». Come Quentin Tarantino, anche Miller è assolutamente convinto che la violenza sullo schermo non causi violenza nella vita reale e spera che Carrey cambi idea, dato che «Il suo personaggio è un cristiano reincarnato che si rifiuta di sparare, un aspetto del personaggio che lo aveva attratto più di tutto».
(foto Getty)

> PIU'CINEMA
> PIU' STAR

DA STYLE.IT

  • News

    Meteo: stop al caldo, torna l'inverno

    Meteo: stop al caldo, torna l'inverno

  • News

    Arrestata infermiera killer a Piombino

    Arrestata infermiera killer a Piombino

  • News

    I genitori di Giulio Regeni: «Vogliamo verità e giustizia per nostro figlio»

    I genitori di Giulio Regeni: «Vogliamo verità e giustizia per nostro figlio»

  • News

    Oscar 2016, trionfo Spotlight ma anche DiCaprio

    Oscar 2016, trionfo Spotlight ma anche DiCaprio


Inserisci il tuo indirizzo email per iscriverti alle newsletter di Style.it