Sharknado, un fenomeno Twitter destinato a cult?

di Lily Violet 

Dalla proiezione dell'anteprima si è scatenato su Twitter un fenomeno mediatico sugli squali volanti. Sharknado continua a far parlare di sè, in bene o in male...che sia la strada per il successo del film?

Lily Violet

Lily Violet

ContributorScopri di piùLeggi tutti


La locandina di Sharknado

La locandina di Sharknado

Gli squali volanti non stanno attaccando solo Los Angeles: su Twitter e sulla stampa americana non si parla d'altro!
Dall'anteprima, Sharknado si è trasformato in un fenomeno mediatico che potrebbe decretarne il successo come cult movie del genere.

Tutto ha avuto inizio giovedì scorso: la visione di Ian Ziering che sparava a enormi squali scagliati in aria da un tornado ha innestato un vero e proprio vortice, da cui non escono solo i sanguinosi carnivori: di Sharknado - e delle reazioni che il film sta suscitando in rete - se ne stanno occupando le testate dell'Huffington Post, Entertainment Weekly, Mashable, US Today, The Hollywood Reporter e molti altri.

C'è chi propone liste dei post di Twitter più divertenti,  chi riporta i commenti sui social delle celebrità, chi invita i lettori a spedire idee per il sequel del film.
Insomma, tantissimi servizi, compresi alcuni, polemici, che illustrano con video le scene più 'ridicole' di Sharknado e, di contro, altri, benevoli, che scommettono sul fatto che sia il miglior film dell'estate 2013.

Il canale Syfy che ha acquistato il film è specializzato in questo tipo di produzioni e nonostante tutto ha registrato dati di audience inferiori ad altri precedenti: secondo l'Entertainment Weekly giovedì scorso hanno guardato Sharknado solo 1,4 milioni di telespettatori, contro 1,8 milioni per Piranhaconda l'anno scorso e circa 2,5 milioni per altri horror simili in passato.

Lo stesso fenomeno mediatico è oggetto di discussione: potrebbe decretare il successo di un film o, al contrario, spostare l'attenzione dal prodotto alla critica?
L'Hollywood reporter l'ha chiesto al protagonista, Ian Ziering, che dopo aver interpretato il ruolo di Steve Sanders in Beverly Hills, è diventato un ballerino nel gruppo di stripdancers Chippendales di Las Vegas.

Il palestrato 49enne, che in una scena del film esce dallo squalo da cui si è fatto inghiottire tagliandone il ventre con una motosega(!), non sa spiegare il fenomeno Sharknado, ma se ne dichiara entusiasta: "Sto avendo il mio Pulp Fiction Moment" avrebbe detto al giornale, sostenendo di essere pronto per un secondo episodio, magari girato da Tarantino.
Del resto, per affrontare a colpi di motosega i feroci predatori ci vuole un fisico bestiale!

>> UNO SHARKNADO SI ABBATTE SU STEVE DI BEVERLY HILLS

> PIU' GOSSIP
> PIU' STAR
E ANCORA: TUTTI I VIP DALLA A ALLA Z -ULTIMISSIME - TUTTI GLI ARGOMENTI DALLA A ALLA Z

DA STYLE.IT

  • News

    Meteo: stop al caldo, torna l'inverno

    Meteo: stop al caldo, torna l'inverno

  • News

    Arrestata infermiera killer a Piombino

    Arrestata infermiera killer a Piombino

  • News

    I genitori di Giulio Regeni: «Vogliamo verità e giustizia per nostro figlio»

    I genitori di Giulio Regeni: «Vogliamo verità e giustizia per nostro figlio»

  • News

    Oscar 2016, trionfo Spotlight ma anche DiCaprio

    Oscar 2016, trionfo Spotlight ma anche DiCaprio


Inserisci il tuo indirizzo email per iscriverti alle newsletter di Style.it