Clooney: basta lamentarsi, siamo attori

di Simona Marchetti 

George Clooney ha attacco i colleghi che sostengono che recitare sia un lavoro duro e che si lamentano della loro bella vita a Hollywood. Del resto, con un passato da tagliatore di tabacco, lui sa bene cosa significhi faticare per vivere

Simona Marchetti

Simona Marchetti

ContributorLeggi tutti

Recitare? Sempre meglio che lavorare.

George Clooney non ne può più di sentire i suoi colleghi che si lamentano di quanto duro sia il loro lavoro davanti alla macchina da presa e, come da copione per una star senza peli sulla lingua, non le manda di certo a dire.

«Recitare non è affatto un lavoro duro - ha tuonato il 50enne attore durante il tour promozionale di The Descendants che potrebbe portarlo all'Oscar - e se sei seduto ad un tavolo come questo, significa che nella tua vita sei stato davvero molto fortunato. Io ho dovuto tagliare tabacco in Kentucky, vendere assicurazioni porta-a-porta e scarpe da donna per vivere: quelli sì che erano lavori duri».

Insomma, non solo recitare non stanca ma è anche proibito lamentarsene perché il lavoro duro è un'altra cosa.

«Ho conosciuto tantissimi attori di talento che non hanno avuto la loro occasione - ha spiegato ancora Clooney - ma non si può certo dire che quello di recitare sia un lavoro duro, casomai lungo. E non voglio nemmeno sentire i miei colleghi lamentarsi di quanto difficile sia la vita a Hollywood, perché non ci credo affatto. Penso invece che recitare sia una sfida stimolante. È vero: a volte ci sono stato male, ma non penso affatto che la mia sia una vita dura».

DA STYLE.IT

  • News

    Meteo: stop al caldo, torna l'inverno

    Meteo: stop al caldo, torna l'inverno

  • News

    Arrestata infermiera killer a Piombino

    Arrestata infermiera killer a Piombino

  • News

    I genitori di Giulio Regeni: «Vogliamo verità e giustizia per nostro figlio»

    I genitori di Giulio Regeni: «Vogliamo verità e giustizia per nostro figlio»

  • News

    Oscar 2016, trionfo Spotlight ma anche DiCaprio

    Oscar 2016, trionfo Spotlight ma anche DiCaprio

Da Vanity


Inserisci il tuo indirizzo email per iscriverti alle newsletter di Style.it