Il caso Povia, frasi omofobe su Facebook e insulti da Twitter

di Martina Pennisi 

Pubblicato (e cancellato) attacco ai gay. Il cantante nega di essere coinvolto.

Martina Pennisi

Martina Pennisi

ContributorLeggi tutti

Povia non è fra i concorrenti del 62esimo Festival di Sanremo, ma è balzato agli onori delle cronache per una questione indirettamente legata alla kermesse ligure.

Il cantante sarebbe scivolato nuovamente sulla buccia di banana dell'omofobia, non è nuovo a uscite infelici sull'argomento che ha affrontato nel suo brano Luca era gay (Sanremo 59): "Adesso ho capito. Che per caso fate tutti parte dell'Arcigay? Ma se siete nati così non è colpa mia. Prendetevela con i vostri genitori e con la musica di merda che ascoltate. Però se vi serve una mano ditelo eh, posso darvi qualche supposta di Eterox", ha scritto su Facebook, guadagnando una posizione di rilievo fra gli argomenti più gettonati sull'altro social network, Twitter. Insulti e battute si sprecano. La frase incriminata è stata cancellata e Povia si è difeso attribuendola a un profilo falso, del quale però gli utenti negano l'esistenza.


Inserisci il tuo indirizzo email per iscriverti alle newsletter di Style.it