Robert Pattinson divo insicuro in cerca d'autore

di Redazione Gossip 

Re del red carpet di Cannes (e dei botteghini) con Cosmopolis, inossidabile sex symbol della saga Twilight, Robert Pattinson vuole uscire dal personaggio che i successi gli hanno creato. L'attore dice no a un futuro di film d'azione o eroici e punta sulle produzioni indie. Scelta sofisticata? Piuttosto un mare di insicurezza e qualche complesso in campo estetico: "Non ho il fisico per i blockbuster, tutto qui"

Redazione Gossip

Redazione Gossip

Scopri di piùLeggi tutti

<<>0
1/

Il bello della saga di Twilight, impegnato nella promozione di Cosmopolis, ha ammesso con un giornalista del magazine Empire che preferirebbe fare piccole commedie sofisticate piuttosto che darsi a ruoli da blockbuster. Il motivo? Non ha il fisico da action hero. «Se ci fosse un modo per andare avanti facendo solo piccoli film che mi interessino, sarebbe perfetto... Non sono abbastanza palestrato per fare film con i robot». Quindi non aspettatevi Bob nei vari Trasnformers, cine-comics marveliani, epopee spaziali alla Lucas o Spielberg, etc...

Alla rivista l'attore ha anche raccontato che il suo problema più grande è proprio l'autostima: «Sto facendo piccoli passi (in questo campo, nda)e spero che ci siano sempre nuove proposte per me... Non mi aspetto nemmeno che migliaia di persone vadano a vedere Cosmopolis e ne siano entusiaste. Ma sarebbe meraviglioso se fosse così».
Robert, non dire così! Il regista di Cosmopolis, David Cronemberg potrebbe aversene a male. Ha dichiarato a tutto il mondo che per quel ruolo voleva te, solo te, nessuno se non te.

Niente da fare. Pattinson reagisce (ed esterna) come se il suo ultimo film, un thriller d'autore tratto dall'omonimo romanzo dello scrittore cult Don De Lillo, fosse stato un trauma. Al punto di raccontare di essersi chiuso a chiave per due settimane nella sua camera d'albergo prima di girarlo: il ruolo di Eric Packer, amministratore delegato multimiliardario di Wall Street, lo spaventava troppo.
«Durante la preparazione ho passato 15 giorni a preoccuparmi e a confondermi le idee. Ricordo che il week-end precedente l'inizio delle riprese ho chiamato David per parlare un po'...».
E David Cronenberg è riuscito a tranquillizzare la star assicurandole che il suo talento le avrebbe permesso di dare il massimo nei panni del suo alter-ego.
«Sono andato direttamente a casa sua», spiega Pattinson. «David mi ha detto solo "'Credo che Eric Packer non possa essere trattato come un qualsiasi altro personaggio ma tu non devi preoccuparti: iniziamo, e poi qualcosa succederà...».
E' successo che pare sia stato un successo... ma possibile che un divo conosciuto come il vampiro più sexy del pianeta possa avere tante paure? Sorge il dubbio che anche nel privato sia Kristen Stewart, oggi pronta a invadere le sale cinematografiche come Biancaneve guerriera, a portare i pantaloni e a tenere in pugno la situazione.
(fonte Bang, traduzione Alessandro Bruschi)

>> CANNES 2012: PATTINSON SFILA (QUASI) SINGLE
>> STEWART E PATTINSON PRESTO SPOSI

> PIU' GOSSIP
> PIU' STAR

DA STYLE.IT

  • News

    Meteo: stop al caldo, torna l'inverno

    Meteo: stop al caldo, torna l'inverno

  • News

    Arrestata infermiera killer a Piombino

    Arrestata infermiera killer a Piombino

  • News

    I genitori di Giulio Regeni: «Vogliamo verità e giustizia per nostro figlio»

    I genitori di Giulio Regeni: «Vogliamo verità e giustizia per nostro figlio»

  • News

    Oscar 2016, trionfo Spotlight ma anche DiCaprio

    Oscar 2016, trionfo Spotlight ma anche DiCaprio


Inserisci il tuo indirizzo email per iscriverti alle newsletter di Style.it