George Michael, una canzone per Amy Winehouse

di Elisabetta Lombardo 

Nella lista delle occasioni mancate, George Michael mette un brano che ha scritto per Amy Winehouse ma non è mai riuscito a proporle. Nella top ten dei successi, l'ex Wham! mette invece l'essere uscito dal coma… con una risata

Elisabetta Lombardo

Elisabetta Lombardo

TranslatorScopri di piùLeggi tutti


George Michael
 foto Corbis

George Michael
foto Corbis

Un misto fra incanto e soggezione: questo l'effetto che l'enorme talento di Amy Winehouse aveva sul suo collega George Michael, non proprio un novellino nel campo della musica. Ora l'artista inglese si dice enormemente dispiaciuto per non essersi deciso a collaborare con Amy prima che un'intossicazione accidentale da alcool la uccidesse, nel luglio dello scorso anno. «C'è una canzone che ho scritto, e che speravo di poter cantare con Amy Winehouse. Ma il suo enorme talento mi metteva quasi in soggezione, e ho perso l'occasione di proporgliela per un duetto».

Di recente anche il cantante di Careless Whisper ha sfiorato la morte: a novembre, le complicazioni per una brutta polmonite lo hanno mandato in coma per tre settimane. Quando finalmente si è svegliato, è stato colto da un irrefrenabile attacco di riso alimentato dalle sue stesse battute e dall'eco della sua voce, che improvvisamente suonava con uno strano accento di Bristol, una città del sud ovest dell'Inghilterra (il cantante è invece originario di Londra). Così ha raccontato quelle giornate particolari a Magic 105.4: «Sembra che io mi sia risvegliato e abbia cominciato a fare del cabaret per due giorni interi, ridendo come un pazzo alle mie stesse battute. Quando mi hanno svegliato la prima volta chiedendomi 'George, sai chi sei?' io ho risposto 'Il re del mondo!'. Stavo ovviamente scherzando ma allo stesso tempo non mi capacitavo di reagire così al mio risveglio da uno stato che era più vicino alla morte che alla vita. E poi continuavo a parlare con quello strano accento... Le mie sorelle erano sollevate e ridevano con me, perché per lo meno ero uscito dal coma. I medici invece erano piuttosto preoccupati, pensavano a qualche danno cerebrale».

George è stato curato a Vienna, la città in cui si trovava quando si è ammalato. Ora vorrebbe ripagare in qualche modo i medici che gli hanno salvato la vita. Ha detto: «Per la prima data del mio tour 'Symphonica' quei dottori saranno tutti in prima fila».
(fonte Bang)

>> AMY WINEHOUSE E I RETROSCENA RACCONTATI DAL PADRE

> PIU' GOSSIP
> PIU' STAR

DA STYLE.IT

  • News

    Meteo: stop al caldo, torna l'inverno

    Meteo: stop al caldo, torna l'inverno

  • News

    Arrestata infermiera killer a Piombino

    Arrestata infermiera killer a Piombino

  • News

    I genitori di Giulio Regeni: «Vogliamo verità e giustizia per nostro figlio»

    I genitori di Giulio Regeni: «Vogliamo verità e giustizia per nostro figlio»

  • News

    Oscar 2016, trionfo Spotlight ma anche DiCaprio

    Oscar 2016, trionfo Spotlight ma anche DiCaprio

Da Vanity


Inserisci il tuo indirizzo email per iscriverti alle newsletter di Style.it