Una sterlina per Sir Paul McCartney

di Elisabetta Lombardo 

Compenso simbolico per l'esibizione di Paul McCartney alla cerimonia di apertura delle Olimpiadi. Ma ora il celebre Beatles ha potuto assistere a tutte le gare sportive che vuole…

Elisabetta Lombardo

Elisabetta Lombardo

TranslatorScopri di piùLeggi tutti


Paul McCartney durante la cerimonia di apertura delle
Olimpiadi
 foto Getty

Paul McCartney durante la cerimonia di apertura delle Olimpiadi
foto Getty

Ha chiuso una serata-evento in mondo-visione, intonando con la sua voce due canzoni leggendarie che hanno deliziato milioni di spettatori in tutto il mondo. E in cambio, ha ricevuto un simbolico gettone di presenza da una sterlina. Stiamo parlando di Paul McCartney, che la sera di venerdì 27 luglio è stato fra gli ospiti più importanti della cerimonia di apertura dei XXX Giochi Olimpici. Durante la sua esibizione, giunta quasi a fine serata, ha intonato i brani «The End» e «Hey Jude». In cambio di questa partecipazione, lo storico membro dei Beatles ha ricevuto un compenso puramente simbolico in denaro, ma non ne è dispiaciuto: «Le esibizioni non venivano pagate, era nei patti, - ha spiegato Paul - ma in cambio abbiamo avuto l'opportunità di stilare una lista degli eventi sportivi a cui avremmo voluto assistere, ricevendone i biglietti. Io sono un grande fan dell'atletica leggera, tanto da chiudermi in casa ogni volta che la trasmettono in tv. Figuriamoci con quale emozione ho atteso queste Olimpiadi».

Stesso compenso simbolico, necessario per meri motivi contrattuali, è stato ricevuto dagli altri artisti che si sono esibiti durante la spettacolare serata iniziale - il cui biglietto, per gli spettatori presenti sugli spalti, è costato fino a 2.012 sterline. È successo a Dizziee Rascal, gli Arctic Monkeys, Frank Turner, Emeli Sande e Mike Oldfield. Anche molti degli attori, ballerini e artisti che hanno preso parte alla cerimonia lo hanno fatto volontariamente senza ricevere nulla in cambio.

Parlando della sua esibizione con Bonkers, Dizziee Rascal - che tra l'altro è cresciuto proprio nelle vicinanze dello Stratford Stadium, teatro della cerimonia di apertura - ha detto: «È una grande occasione per il Regno Unito e sono onorato che mi abbiano chiesto di esibirmi con uno dei miei maggiori successi per rappresentare il mio paese. Provo enorme rispetto per tutti gli atleti che prenderanno parte a questi Giochi. Che la festa abbia inizio!»
(fonte Bang)

>> PAUL MC CARTNEY: ASPETTANDO USAIN BOLT CANTO PER VOI
>> OLIMPIADI 2012, LA CERIMONIA DI APERTURA

DA STYLE.IT

  • News

    Meteo: stop al caldo, torna l'inverno

    Meteo: stop al caldo, torna l'inverno

  • News

    Arrestata infermiera killer a Piombino

    Arrestata infermiera killer a Piombino

  • News

    I genitori di Giulio Regeni: «Vogliamo verità e giustizia per nostro figlio»

    I genitori di Giulio Regeni: «Vogliamo verità e giustizia per nostro figlio»

  • News

    Oscar 2016, trionfo Spotlight ma anche DiCaprio

    Oscar 2016, trionfo Spotlight ma anche DiCaprio