Jeremy Renner si ritira dalle scene: «Mi sento solo»

di Elisabetta Lombardo 

Il protagonista di The Bourne Legacy si prende una pausa: la carriera lo ha portato troppo lontano dalla vita vera. È tempo di recuperare gli affetti perduti

Elisabetta Lombardo

Elisabetta Lombardo

TranslatorScopri di piùLeggi tutti


Jeremy Brenner, successo e solitudine. Foto

Jeremy Brenner, successo e solitudine. Foto

Qual è il rovescio della medaglia di una carriera hollywoodiana che porta successo, ingaggi milionari e viaggi in giro per il mondo? La solitudine. Lo confessa Jeremy Renner (e non è il solo). La star di The Bourne Legacy non potrebbe essere più soddisfatta di come sta andando la sua carriera, che dai tempi della prima candidatura all'oscar per The Hurt Locker (nel 2009) non sembra conoscere battute d'arresto. Ma ammette una certa fatica nel passare la maggior parte del tempo lontano da casa, senza tra l'altro poter condividere con qualcuno di importante le esperienze incredibili che sta facendo.

«Ho trascorso a casa due settimane negli ultimi due anni. - ha raccontato - Sono fortunato, sono stato in parti del pianeta che non avevo neanche mai sentito nominare, ed è stato come togliersi i paraocchi per me. Ma è una vita solitaria. Faccio le esperienze più incredibili, ma non ho nessuno con cui condividerle al di là del regista o degli altri membri del cast, che sono comunque persone appena conosciute».

«Per questo - continua Jeremy - ho deciso di tornarmene a Los Angeles dopo due anni di questa vita. Ho appena rivisto mio fratello; l'ho incontrato e mi sono chiesto 'Da dove comincio?'».

Ora Renner ha deciso di prendersi un break, per rilassarsi e riprendere i contatti con i suoi affetti. «Restare concentrato sulla mia carriera è importante. - ha confessato a Glamour UK - Ma non sono così ambizioso e non riesco a bilanciare le cose. Ho detto al mio agente che mi prendo una pausa: mi servirà per vedere un po' di film in arretrato, leggere, riallacciare le amicizie, vedere la mia famiglia e gli amici che ho perso di vista… insomma per tornare lentamente alla realtà»
(FONTE Bang)

»

Inserisci il tuo indirizzo email per iscriverti alle newsletter di Style.it