Tom Cruise e Scientology: Paul Haggis dalla parte della Boniadi

di Elisabetta Lombardo 

Il regista di 'Crash' Paul Haggis racconta di aver saputo di come Nazanin Boniadi fosse stata scelta come futura moglie di Tom Cruise e del trattamento vergognoso che le ha poi riservato il controverso culto religioso

Elisabetta Lombardo

Elisabetta Lombardo

TranslatorScopri di piùLeggi tutti


Paul Haggis
 foto Corbis

Paul Haggis
foto Corbis

I dettagli su come Scientology avesse fatto dei veri e propri casting per trovare a Tom Cruise una nuova moglie dopo la rottura con Nicole Kidman, rivelati dal numero di ottobre di Vanity Fair America, vengono confermati da più parti. La prescelta doveva essere l'attrice anglo-iraniana Nazanin Boniadi, anche lei seguace di Scientology nel 2004, ma l'attore la frequentò per pochi mesi, prima che l'organizzazione la bollasse come inadeguata. Cruise sposò Katie Holmes. Tom ha negato, ma a confermare c'è anche Paul Haggis, il regista di Crash, amico della Boniadi e come lei ex seguace dell'organizzazione, che ha abbandonato nel 2010.

Haggis ha raccontato a Showbiz411: «Mi ha profondamente turbato il modo in cui i vertici di un'organizzazione religiosa come Scientology possano aver così facilmente giustificato un uso tanto cinico di uno dei loro fedeli; come (la Boniadi) sia stata punita senza scrupoli e come le sia stato intimato il silenzio sull'accaduto. Non si tratta solo di minacce: l'hanno fatta vergognare di se stessa, quando la sua unica 'colpa' è di essere una persona molto umana che si fida degli altri».

Il regista sostiene anche che l'attrice - che era molto innamorata di Cruise e ha sofferto per la rottura impostale - aveva inizialmente tentato di sanare gli screzi con Scientology, per poi uscirne definitivamente due anni fa, con vergogna. «Capisco il suo stato d'animo. - ha aggiunto Haggins - Ho conosciuto tante persone che sono state trattate in maniera vergognosa, ma hanno paura di parlarne… Sono soprattutto gente comune… Temono per i loro stipendi, per le conseguenze legali e finanziarie che potrebbero avere… Hanno paura di mettersi contro un'organizzazione incredibilmente ricca che si vanta di perseguire il vero, di rendere più potenti le persone, di tenere assieme le famiglie, di incoraggiare gli individui al libero pensiero e alla libertà di espressione e si dice paladina dei diritti umani. Vorrei poter dire che non capisco come i suoi membri, molti di loro bravissime e intelligenti persone, posano rimanere così consapevolmente ciechi nonostante le prove siano alla luce ogni giorno, ma mi rendo conto di non essere nella posizione per poterlo fare. Sono stato felicemente cieco anche io per molti anni, per questo capisco la vergogna provata da Naz».
(fonte Bang)

>> A VENEZIA ARRIVA THE MASTER DI PAUL THOMAS ANDERSON, IL FILM CHE HA FATTO ARRABBIARE SCIENTOLOGY
>> TOM CRUISE DA NICOLE A KATIE IN CINQUE PASSI

DA STYLE.IT

  • News

    Meteo: stop al caldo, torna l'inverno

    Meteo: stop al caldo, torna l'inverno

  • News

    Arrestata infermiera killer a Piombino

    Arrestata infermiera killer a Piombino

  • News

    I genitori di Giulio Regeni: «Vogliamo verità e giustizia per nostro figlio»

    I genitori di Giulio Regeni: «Vogliamo verità e giustizia per nostro figlio»

  • News

    Oscar 2016, trionfo Spotlight ma anche DiCaprio

    Oscar 2016, trionfo Spotlight ma anche DiCaprio

Da Vanity


Inserisci il tuo indirizzo email per iscriverti alle newsletter di Style.it