Kimberly Walsh e Cheryl Cole, decoratrici d'interni offresi

di Elisabetta Lombardo 

Le due cantanti delle Girls Aloud condividono la passione per pennelli, pennellesse e carte da parati: un business alternativo, dovessero stancarsi dello showbiz (e delle notti brave)!

Elisabetta Lombardo

Elisabetta Lombardo

TranslatorScopri di piùLeggi tutti


Da sin:Nicola Roberts, Cheryl Cole e Kimberly Walsh, in un loro
scatto postato su social network

Da sin:Nicola Roberts, Cheryl Cole e Kimberly Walsh, in un loro scatto postato su social network

Se le cose andassero male alle Girls Aloud, Kimberly Walsh ha già pronto un piano B: potrebbe mettere su un business come decoratrice d'interni con la sua compagna di band Cheryl Cole. A quanto pare le due cantanti se la cavano piuttosto bene con pennelli e pennellesse, tanto da fantasticare su una possibile carriera alternativa.
«Riconosco di essere molto in gamba come decoratrice - ha detto Kimberly senza falsa modestia - Sono bravissima a mettere la carta da parati e ho decorato  personalmente la maggior parte delle stanze di casa mia. È una cosa che mi piace molto fare. E Cheryl mi ha aiutato. Se dovessimo mai stancarci dello showbiz, potremmo aprire una ditta tutta nostra, la 'Grand Designs'».
Al momento però sembra che la Walsh preferisca tenere i pennelli chiusi nel ripostiglio: a tenerla occupata ci pensano le uscite con un'altra delle Girl Aloud, Nicola Roberts, con la quale Kim ha condiviso ultimamente diverse serate ad alto tasso alcolico.
«Qual è stata la sbronza più grossa che io mi sia mai presa? Non devo andare molto in là con la memoria: mi basta pensare all'ultimo capodanno- ha raccontato di recente a una rivista. - Con me c'era Nicola, abbiamo bevuto più vino rosso di quanto pesiamo, non esagero. È finita che alle 2 del mattino correvamo come due matte per la strada sotto casa mia cantando Auld Lang Syne. Lì per lì ci era sembrata un'idea grandiosa. Ma i postumi della sbornia del giorno dopo non me li posso dimenticare. Nicola non mi ha mandato nemmeno un messaggio fino a sera, a fine giornata stavo per mandarle un'ambulanza a casa per assicurarmi che fosse viva».
Foto:SplashNews

>PIU' GOSSIP
>PIU' STAR

Da Vanity


Inserisci il tuo indirizzo email per iscriverti alle newsletter di Style.it