Stephenie Meyer: «Robert Pattinson e Kristen Stewart? Colpa mia»

di Elisabetta Lombardo 

L'autrice della saga letteraria che ha lanciato Robert Pattinson e Kristen Stewart si sente in colpa. Per due attori schivi come loro, forse la notorietà internazionale che ha portato Twilight non è stata un bene. E potendo tornare indietro…

Elisabetta Lombardo

Elisabetta Lombardo

TranslatorScopri di piùLeggi tutti


Kristen Stewart, Stephenie Meyer e Robert Pattinson

Kristen Stewart, Stephenie Meyer e Robert Pattinson

Tempo di mea culpa. Stephenie Meyer, autrice della fortunatissima saga letteraria di Twilight, non può fare a meno di sentirsi in colpa per il destino toccato a chi ha portato sul grande schermo le gesta dei suoi protagonisti: Robert Pattinson e Kristen Stewart.
Da coppia cinematografica - se qualcuno ancora ne ignorasse le vicende, Edward e Bella, i loro personaggi, si innamorano nel primo capitolo, si sposano nonostante siano un vampiro e un'umana, e finiscono la saga come genitori, entrambi succhiasangue - i due sono diventati una coppia anche nella vita, con le travagliate vicende che le pagine di gossip di tutto il mondo sono state ben felici di divulgare negli ultimi mesi. E a detta dell'autrice, mentre ci sono persone ben contente di ricevere tanta pubblicità, loro avrebbero sicuramente preferito risparmiarsi certi 'effetti collaterali' della notorietà.
«Mi sento assolutamente colpevole - ha risposto alla domanda diretta del Times - Le cose stanno così: alcuni attori non vedono l'ora di diventare star internazionali, di sentire il proprio nome sulla bocca di tutti, e nonostante questo implichi degli aspetti meno piacevoli, sono disposti a pagarne lo scotto. Ma Kristen e Rob non fanno parte di questa categoria di persone. È questo che rende la storia particolarmente ironica e tragica allo stesso tempo».
L'aspetto che più pesa alla Meyer è che i suoi pupilli non siano riusciti a sottrarsi a un meccanismo scomodo che invece lei ha saputo evitare: «Non credo che si siano mai goduti questo aspetto della notorietà che tanti invece cercano. E li capisco benissimo, perché non è mai piaciuto nemmeno a me. Il mio senso di colpa nasce dal fatto che la fama ha creato per me una nuova realtà pacifica e gradevole. Loro ne hanno preso tutta la foga, ed è questo che mi fa stare male. Se potessero scegliere, non sono certa che rifarebbero Twilight. Non lo so. Penso che tutto quello che ne è seguito gli sia costato caro».
Foto: AP/LaPresse

>> KRISTEN STEWART: ROB, TI ASPETTERO'
>> KRISTEN STEWART, NUOVE AVANCES DA RUPERT SANDERS

> PIU' GOSSIP
> PIU' STAR

Da Vanity


Inserisci il tuo indirizzo email per iscriverti alle newsletter di Style.it