Box office: A Christmas Miracle!

09 dicembre 2009 
<p>Box office: A Christmas Miracle!</p>

È stato più che un week end lungo quello dei botteghini italiani. Grazie al ponte dell'Immacolata, le sale si sono riempite fino a martedì, permettendo soprattutto la salita in vetta al nostro box office di A Christmas Carol, il film di Zemeckis che con i suoi quasi 6 milioni di euro (di cui quasi due incassati tra lunedì e martedì) spinge al secondo posto l'altro campione di incassi del momento, Cado dalle nubi con Checco Zalone. Uscito strategicamente prima di Natale, ovvero prima della corazzata dei cinepanettoni, il film con il comico pugliese ha incassato in sue settimane più di otto milioni di euro. È iniziata una piccola "eclissi" per New Moon, che non è più in testa, ma le performance al botteghino dei vampiri fascinosi e di Bella restano di tutto rispetto. Tristi invece i risultati dell'ultimo film dei Coen (A serious man, che resta sotto i 700mila euro di incasso) e della new entry italiana firmata da Sergio Rubini, che segna forse (visti anche i risultati deludenti di Prima linea) il calo di fanship nei confronti di Scamarcio. Ma non è detto che non sia l'inizio di un percorso più serio e coinvolgente dopo gli esordi da divo ai tempi di Tre metri sopra il cielo...

Negli States, invece, meno sorprese: A Christmas carol non replica in patria il successo che ha avuto in Italia e da quando è uscito ha raccolto "solo" 115,759,867 dollari. In testa al Box Office resta Sandra Bullock, che con il suo The blind side soffia il primato in vetta al botteghino a New Moon, che scivola al secondo posto. Bruttissima partenza per Everybody's fine il remake yankee dell'italiano E stanno tutti bene, che vede Robert de Niro nel ruolo che fu di Mastroianni. Il debutto Usa migliore del week end, invece, è quello di Brothers, che si piazza in terza posizione.

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).