B-movies, lesson n.1. Quentin sale in cattedra

09 settembre 2010 

«Sono molto onorato del premio della stampa italiana anche perché Inglorious Basterds è stato ispirato da un sottogenere del cinema italiano, quello dei macaroni kombat, così soprannominati, in realtà, non dagli italiani ma dai giapponesi». Il ringraziamento del regista presidente della giuria della 67Mostra del cinema di Venezia per il Nastro d'Argento a miglior film extra-europeo del 2009 è solo l'inizio di un excursus in territorio b-movie.
Con traduzione simultanea dell'amico regista Luca Guadagnino, infatti, Tarantino continua «Forse non lo sapete ma, a dispetto di quello che si pensi, sono i giapponesi quelli che, con raccolte in DVD, più hanno rilanciato e reso famosi in tutto il mondo i vostri b-movie da quando si sono innamorati dei western all'italiana. Io cerco solo di mettermi alla prova sfidando i vostri grandi maestri, come Fernando di Leo, Bruno Corbucci, Enzo Castellari...»

«DA BARESE A TARANTINO»,RISATE E OMAGGI TRA QUENTIN, BARBARA E LINO

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).