Terza serata sanremese. La (nostra) pagella

18 febbraio 2011 
<p>Terza serata sanremese. La (nostra) pagella</p>
PHOTO LAPRESSE

Da Cavour al patriottismo di Elisabetta Canalis. Dai capelli, finalmente raccolti, di Belen Rodriguez alla prestanza fisica di Mazzini. Da Parlami d'amore Mariù interpretata da La Crus e GnuQuartet all'articolo Io odio gli indifferenti di Antonio Gramsci recitato da Luca e Paolo. Ieri sera, durante la terza puntata del Festival di Sanremo, il tempo è diventato una dimensione astratta, talmente astratta che la puntata si è conclusa oltre l'una di notte, in un intreccio fra passato e presente.

Mattatore annunciato della serata Roberto Benigni. Protagonista inatteso il cavallo che lo ha accompagnato al cospetto di Gianni Morandi e che per poco non è rovinosamente caduto a terra trascinando con sé l'attore toscano.

Una stretta di mano ai minorenni: la maggiore età e il raggiungimento della stessa sono l'argomento del momento. Tant'è che ieri a Gianni Morandi, mentre spiegava che la minorenne Micaela non poteva essere inquadrata dopo la mezzanotte, per poco non è scappata una risata.
Gli altri minorenni citati durante la serata sono stati Mameli, ventenne nel periodo in cui ha scritto l'inno (ovvero minorenne per quei tempi) e l'Italia che, ha ironizzato Benigni, per essere una nazione è molto giovane.
Micaela era in ottima compagnia e ha di che andare fiera, oltre al passaggio del turno.

Uno schiaffo ai fotografi: ragazzi, ci state facendo impazzire Gianni Morandi. Come si confà alla loro professione, i fotografi cercano di attirare l'attenzione di ospiti e presentatori per catturare i momenti salienti. Sarà l'acustica dell'Ariston, sarà l'orecchio sensibile di Gianni, ma il timoniere non sopporta più le continue grida e ieri non lo ha nascosto. Abbiate pietà di lui.

Un applauso ad Anna Tantangelo e Al Bano: un applauso a loro, rientrati in gara, e a chi è riuscito a resistere fino al momento dell'annuncio. Le prime due serate si sono distinte per freschezza e rapidità. Ieri è iniziata mezz'ora prima ed è finita mezz'ora dopo. E siamo solo a metà.

Una pacca sulla spalla alla squadra di conduttori: imperfetti e spesso fuori da ogni logica televisiva riescono sempre a strappare una risata. Morandi che vaga per il palco e Belen che scoppia a ridere quando Elisabetta Canalis cita l'autore della canzone di Anna Oxa, Roberto Pacco: passerà alla storia come l'edizione dei pasticcioni. Pasticcioni, ma simpatici. Ci piacciono.

Una carezza ai Btwins: un incrocio, stonato, fra i Sonohra e gli Zero Assoluto. Uguali, ma non abbastanza per rendere quello meno carino piacente come il più bello, pur essendo gemelli. Sono stati eliminati, ma sarà difficile dimenticarsi di loro e della loro mise da scacchiera. Teneri. E maggiorenni, anche se non sembrava.

Tags:
Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
lilithcarla 70 mesi fa

E un plauso alla melodia di La Cruz...Stupendi

lilithcarla 70 mesi fa

non ce l'ho fatta a sentire Benigni Le alternative erano tre caffè per tenermmi sveglia o quindici gocce di xanax per togliermi l'ansia. Molto meglio Luca e Paolo più divertenti e soprattutto più economici

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).