E a firmare l'abito nuziale di Kate Moss è...

25 febbraio 2011 
<p>E a firmare l'abito nuziale di Kate Moss è...</p>
PHOTO SPLASH NEWS

>> LA NOTIZIA: KATE MOSS SPOSA A LUGLIO
>> KATE MOSS E JAMIE HINCE, LA LOVE STORY IN 10 CLIC

Quando ha annunciato le sue prossime nozze, Kate Moss ci ha tenuto a sottolineare che "la Kate più importante che si sarebbe sposata nel 2011 sarebbe stata lei", alla faccia dell'altra Kate inglese, ovvero la Middleton, futura sposa del Principe William.
E se per quest'ultima impazza il toto-stilista su chi le disegnerà l'abito nuziale (i bookies quotano Daniela Issa e Bruce Oldfield, adorato da Lady Diana, a 2,50, mentre Jean Paul Gaultier viene dato a 6, Carolina Herrera a 8 e Victoria Beckham a 12), per la modella il mistero sembra essere finalmente risolto.
A realizzare il vestito con cui convolerà a nozze con la rockstar Jamie Hince il prossimo 2 luglio dovrebbe, infatti, essere John Galliano, il creativo di Christian Dior di cui la Moss è da sempre la musa ispiratrice. E' stata la stessa Moss a rivelarlo alla cena di Topshop, dopo che nei giorni scorsi Vivienne Westwood si era lasciata scappare che sarebbe stata proprio Kate a disegnarsi l'abito, visto che "lei sa tutto di vestiti e non ha certo bisogno di aiuto". L'amicizia fra la modella e lo stilista risale agli albori della carriera di Galliano e, quindi, nessuno meglio di lui può catturare e dare forma allo spirito ribelle della Moss. "Amo le donne e adoro i loro corpi e sono loro complice nell'aiutarle ad ottenere quello che vogliono", ha detto una volta lo stilista che in passato ha vestito Cate Blanchett e Nicole Kidman, come pure l'indimenticata Principessa Diana.

(nella foto, la modella in bianco per la campagna topshop spring 2010)
>> JOHN GALLIANO: ARRESTATO, RILASCIATO E SOSPESO DALLA MAISON DIOR
>> LA NOTIZIA: KATE MOSS SPOSA A LUGLIO
>> KATE MOSS E JAMIE HINCE, LA LOVE STORY IN 10 CLIC

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Luigi 69 mesi fa

Mi fa piacere se sarà così. Il povero Galliano adesso si troverà in difficoltà anche per il suo proprio marchio. La Maison Dior l'ha fregato proprio bene, cercando i tempi giusti (sfilata, cerimonia degli Oscar) per dare all'annuncio della fine una grande rilevanza. E il poveretto è caduto nella trappola preparata ...con telefonini pronti a riprendere...non il tutto...ma solo quanto serviva per incriminarlo. Meditate, gente, meditate sulla logica spietata del commercio....

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).