Loredana Errore: il nuovo cd, Biagio e Dio

10 marzo 2011 
<p>Loredana Errore: il nuovo cd, Biagio e Dio</p>

Proprio nei giorni in cui la nuova edizione di Amici si è conclusa, Loredana Errore, che al talent ha partecipato nel 2009-2010 classificandosi seconda, pubblica il suo album di debutto L'errore. Biagio Antonacci ha contribuito come autore e produttore alla nascita di questo disco, insieme a una serie di professionisti di prim'ordine.

Cos'hai capito di Biagio, lavorando con lui?
«Che è una persona piena di entusiasmo, perché si è buttato con gioia in questo progetto. Biagio mi ha presa per mano e accompagnata con attenzione e pazienza. Il fatto di aver lavorato con lui nel mio ep Ragazza occhi cielo e poi per questo disco mi ha regalato un senso di continuità che mi ha permesso di non perdermi. E poi Biagio è stato un po' 'Re Magio': mi ha portato in dono Loredana Bertè».

Con cui duetti in Cattiva. Com'è andato l'incontro con lei?
«E' stata un'idea di Biagio scrivere la canzone e proporla a Loredana. Lei ha accettato, e questo per me è stato un regalo fantastico. Loredana è un'icona della musica ma anche una persona dolcissima. Ho visto tanta tenerezza in fondo ai suoi occhi neri».

Nei libretti dei tuoi due cd e in molte interviste ringrazi Dio in maniera sentita. Qual è il tuo rapporto con la religiosità e con la spiritualità?
«Non dico rosari, per tante cose sarò la prima ad aprire le porte dell'inferno (ride, nda), ma Dio io lo sento dentro. E' una forza che mi ha accompagnata sempre, fin dalle prime ore in cui sono venuta al mondo».

Sempre nel tuo cd si legge una frase: abbasso l'osceno, innalzo l'alieno. Cosa significa?
«Significa abbasso l'indecenza e viva chi porta nel mondo qualcosa di artistico che sia solo suo. Mi piace chi esprime la propria particolarità. Forse la mia sono gli occhi, che nascondono ben poco. La mia non è una ribellione al sistema ma una scelta di vita. Trovo indecente come certe persone si vendano, rifiuto le bugie e i sorrisi falsi che ti fanno imboccare la strada più facile: credo in quest'unica verità».

A proposito di verità, sei la Loredana in tailleur pantalone e grinta androgina che abbiamo visto a Sanremo cantare con Anna Tatangelo, o quella iperfemminile che si è esibita a New York con Gigi D'Alessio?
«Cambio? Bene, lo prendo come un complimento. Loredana però è sempre Loredana, una persona che evolve giorno per giorno, poliedrica in quello che fa. La vita è interpretazione e l'abito gioca un ruolo fondamentale. Andavo all'asilo, al massimo in prima elementare, e già aprivo i cassetti per cercare il vestito che mi piaceva quel giorno. Poi arrivava mia mamma e mi cambiava con quello che aveva preparato lei, magari tutto coordinato».

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
sama 69 mesi fa

Grazie a Loredana di averci fatto questo prezioso regalo: la tua voce riscalda i nostri cuori, apre le nostre menti.

cinzia 69 mesi fa

Bel CD! Appena ascoltato...BRAVA!

Simbad 69 mesi fa

Anch'io sono rimasto piacevolmente sorpreso dall'album. Concordo perfettamente sullo stupore che suscita un lavoro così curato, così profondo, piacevole in ogni nota. E' nata un'artista che se gioca bene le sue carte e se saprà superare le magagne delle case discografiche "avversarie", le invidie, le critiche costruite ad arte, è destinata a un posto di primo piano nel panorama della musica italiana, ma anche, perché no?, internazionale.

sonia Gobbo 69 mesi fa

ottimo album!

Rossana 69 mesi fa

Un album meraviglioso, come te Loredana Errore. Finalmente un album che non presenta canzonette ma validi contenuti. Un album da scoprire, che non mi stanco mai di ascoltare. Ed ogni volta che lo ascolto scopro qualcosa di nuovo che mi avvicina al tuo bellissimo mondo interiore, pieno di valori e di sentimenti. GRAzie

diletta 69 mesi fa

grazie di esistere,Loredana

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).