Nina Moric rinasce sull'Isola, le pagelle della quinta puntata

16 marzo 2011 
<p>Nina Moric rinasce sull'Isola, le pagelle della quinta
puntata</p>

Ne rimarrà soltanto uno e probabilmente sarà colui/colei che riuscirà a trattenere le lacrime. La quinta puntata dell'Isola dei famosi 8 è stata tutto un piagnisteo: dalla commozione di Walter Garibaldi e Raffaele Paganini ai cedimenti di Magda Gomez e Thyago Alvez, passando per il momento di tenerezza fra Gianna Orrù e Valeria Marini e il sincero dolore di Daniel McVicar. Piangi tu che piango io, ad avere la peggio è stato anche questa volta un parente di, Abigail Bawhah, sorella di Mario Balotelli. La compagine dei famosi continua il suo percorso compatta e sta scoprendo in Nina Moric un'inaspettata personalità degna di nota. Che la ex signora Corona si stia candidando a un vittoria che la ripaghi delle sofferenze (mediatiche) degli ultimi mesi?

Un applauso a Nina Moric. Dicevamo: la modella croata sta tirando fuori un caratterino niente male e, cosa che non guasta nel contesto in cui è inserita, sfoggia una preparazione fisica invidiabile. E' ironica e pungente e non si sta facendo mettere i piedi in testa dalle tre comari compatte (Gomez, Palmas e Fico). Come ha suggerito Alba Parietti, quando tornerà in Italia farà vedere i sorci verdi a Fabrizio Corona. Speriamo.

Una tirata d'orecchie a tutti i naufraghi: dopo cinque puntate non sono ancora riusciti a dare una motivazione sensata alle nomination. Oltre al commento buonista "ha fame e sta dimagrendo" non riescono ad andare. Forza ragazzi: naufragus naufrago lupus, diamoci una svegliata.

Un incipit dell'Inno dei Mameli ad Alba Parietti: il vestito dell'Alba nazionale, mai come ieri sera, è stato protagonista assoluto. L'opinionista era fasciata da una bandiera italiana. Quando si dice il patriottismo… E quando si dice eleganza e sobrietà? Magari la prossima settimana.

Una standing ovation per Gianna Orrù. Semplicemente fantastica: mentre la figlia Valeria Marini cercava di stuzzicare Capitan Ventura in merito a un suo ipotetico ritorno sull'Isola dopo l'esperienza del 2008 (sesta edizione), mamma Orrù si è lasciata scappare un "per carità, no". Come dire: va bene le lacrime e il ricongiungimento telefonico, ma Valeriona questa volta se ne stia al suo posto.

Una stretta di mano agli autori: quella dei parenti di… è stata un'idea a dir poco geniale. Portare in Honduras dei perfetti sconosciuti dal cognome celebre vuol dire poter contare sulla presenza sporadica dei più noti familiari e quando occorre poter tirare fuori dal cappello altri anonimi soggetti con lo stesso cognome. I parenti dei parenti dai parenti di. Roba da andarci avanti per un anno intero.

Una guida tv a Francesca Fogar: piccola gaffe per la figlia di Ambrogio. Durante il quiz dedicato alle gesta di Valeria Marini, la Fogar ha pronunciato la frase "la risposta è la B, la accendiamo" facendo rizzare i capelli in testa a Mamma Rai. L'espressione è uno dei leitmotiv di Chi vuol essere milionario, Canale 5, il Biscione. Mediaset insomma.

Una scrollata di spalle all'amica di Magda Gomez: non che il momento sia stato cruciale ai fini della trasmissione, ma pare proprio che il figlio dell'amica della Gomez si chiami Kiwi. Kiwi come il frutto, come un kiwi. Perché?

E dal dietro le quinte…

L'insofferenza da prima donna di Valeria Marini: non è stata ferma un attimo. Ha approfittato di ogni stacco pubblicitario per allontanarsi dallo studio e rientrare a programma già cominciato. Lei può.

La bellezza di Francesca De Andrè è visibile a occhio nudo: la ragazza buca lo schermo, ma anche da vicino fa la sua figura. Il suo ingresso prima dell'inizio della puntata è sempre accompagnato da un brusio di ammirazione e approvazione. Farà strada.

Francesco Oppini c'è! Il figlio di Alba non si perde una puntata ed è sempre attento ad esaudire le richieste di mammà passandole, ad esempio, il cellulare durante la pubblicità.

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).