Francesco Montanari:
il Libanese diventa ispettore

24 marzo 2011 

Fino a poco tempo fa, parlando di lui, si poteva usare l'espressione "il fascino del crimine", ma ora è passato dalla parte di buoni e, ve lo assicuriamo, non ha perso il suo carisma.Stiamo parlando di Francesco Montanari, meglio noto al grande pubblico come il Libanese della serie tv Romanzo Criminale.
Ora l'attore romano ha abbandonato momentaneamente il piccolo schermo per dedicarsi al cinema e lo troviamo nei panni dell'ispettore Malerba in Sotto il vestito niente - L'ultima sfilata di Carlo Vanzina.
>> GALLERY: MONTANARI, FASCINO CRIME

Da criminale a ispettore di polizia. Com'è stato passare dalla parte della legge?
Devo dire che alla fine non è stato poi così drammatico. I progetti lavorativi, come le storie, iniziano e finiscono, quindi stavolta sono stato felice di interpretare un poliziotto simpatico, acuto e per niente stereotipato.

Facendo un passo indietro, a Romanzo Criminale: è vero che c'è stato anche un tuo incontro con Favino, il Libanese nel film di Michele Placido?
Vero. Dovete sapere che io sono da sempre un grande fan di Pierfrancesco Favino e quando l'ho conosciuto... sembravo un quattordicenne davanti a Britney Spears! Non vi dico l'emozione quando mi ha detto: 'sei forte pischè'!

Citando, invece, il film di Carlo Vanzina, Sotto il vestito niente ma sotto Francesco Montanari cosa c'è?
Un ragazzo come tanti altri, pieno di interessi, che ama passare il tempo libero con gli amici e la propria fidanzata. Il successo non ha cambiato di una virgola la mia vita, se non a livello professionale.

Che rapporto hai con il mondo della moda, in cui il film, con le sue modelle minacciate da un killer, è immerso?
Confesso di non essere mai stato un grande appassionato di tendenze. Però mi ricordo che quando ero piccolo c'erano modelle considerate delle vere e proprie star, mentre ora tutto sembra cambiato.

Com'è stato lavorare con Vanessa Hessler, modella-attrice?
Molto bello, è davvero professionale, sta intraprendendo questa carriera parallela con umiltà e interesse reale. Poi, vabbè, l'occhio vuole la sua parte...

La tua attrice preferita?
Anna Magnani, perchè sapeva entrare umanamente nella realtà. Tra gli uomini invece amo Gian Maria Volonté.

Prossimi progetti?
Ne ho diversi.

Laconico... Cinema o tv?
Questa volta no: sono tutti gravitanti intorno al teatro.

>> GALLERY: MONTANARI, FASCINO CRIME

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).