Federica Brunini: «Ecco chi è la principessa Kate»

25 marzo 2011 
<p>Federica Brunini: «Ecco chi è la principessa Kate»</p>

Federica Brunini, giornalista e scrittrice, ha pubblicato in questi giorni il libro Sarò regina - La vita di Kate Middleton come me l'ha raccontata lei (Sonzogno). In altre parole, Federica è un'ottima fonte per sapere tutto, ma proprio tutto, sulla futura principessa, sul matrimonio con William e sui retroscena di questa love story così appassionante per il pubblico, specialmente per le ragazze di ogni età che credono nel principe azzurro.

Come ti sei avvicinata al personaggio?
«E' stato buffo. Il giornale per cui scrivo mi ha chiesto di seguirla fin da quando è apparsa sotto i riflettori per via della sua storia con il principe. La frequenza con cui tornavo su di lei era altissima: ho pensato che tutto quel lavoro su di lei fosse un segno, e infatti… Kate ha ricevuto il libro, spero di incontrarla presto».

Hai scritto il libro come se fosse il diario tenuto in prima persona da Kate: come mai questa scelta?
«Non me ne sono accorta, ma dopo le prime pagine scritte in terza persona sono passata alla prima. Alla fine ha vinto lei, Kate, e l'ho scritto così. Comunque, Kate è un nome datole dai media, lei ha sempre voluto essere chiamata Catherine. Anche William le dà altri nomiglioni, ma non la chiama mai Kate».

Cosa ti piace di Catherine e cosa no?
«Mi è simpatica perché è molto normale, fa shopping da Zara e Top Shop o su internet, non vuole essere a tutti i costi griffatissima (anche se ultimamente ha scelto Luisa Spagnoli, marchio molto apprezzato dagli inglesi). Da un lato, mi piace questo suo essere emancipata, poi però l'amore per un poster, quello di William, diventa reale, e allora, secondo me, Kate cade un po' nello stereotipo della regina tradizionale, sposata e con il compito di fare bambini».

Qual è il suo aspetto più curioso (magari meno noto)?
«Ce ne sono tanti. E' allergica ai cavalli, che sono al centro della vita mondana inglese, e da ragazzina era contraria alla caccia. Da bambina ha recitato il ruolo della ragazza che sposa un principe  che... (coincidenza!) nella recita si chiamava William e le donava un anello di plastica blu.
Sua mamma si è scoperta brava a preparare party bag con dentro regali da lasciare ai bambini dopo le feste (è tradizione in Inghilterra), e io mi immagino Kate che da piccola ha la casa invasa di questi regalini, di coroncine e scettri da regina. Queste cose mi fanno sorridere».

In questi giorni si è parlato molto dell'abito vedo-non vedo con cui Catherine avrebbe conquistato William. Secondo te, l'ha indossato scommettendo di fare colpo, o ne era inconsapevole?
«Difficile dirlo. Secondo me ci ha un po' giocato visto che tra loro non c'era ancora alcun flirt ma un certo interesse, quello, sì: non per niente William è andato a vedere la sfilata».

Si sa qualcosa degli ex fidanzati di Kate?
«L'unico di cui si abbia la certezza è Rupert Finch, conosciuto all'università; oggi fa l'avvocato. Kate ha avuto un filarino al college con Ian Henry, di cui parlo nel libro, ma lui non si è mai espresso sull'argomento».

ATTENZIONE! Ci saranno nei prossimi giorni altri due appuntamenti con Federica, con cui parleremo di come verranno posizionati i 'parenti di' al matrimonio (l'etichetta, che problema!), dell'ombra di Lady D e anche delle regole di galateo indispensabili per presenziare al gran giorno.... Giusto per essere informate, nella vita non si sa mai

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).