Niente Mad Men fino al 2012: cosa vi mancherà di più?

29 marzo 2011 

>> GALLERY: IL FUTURO DEL CAST FUORI DA MAD MEN
Nulla da fare, l'accordo per Mad men non si trova. E ai fan non resta che rassegnarsi alla ferale notizia: la quinta stagione arriverà solo nel 2012. Forse.
Questa almeno stando alle ultime dichiarazioni rilasciate dal network AMC. Le ragioni sono sempre le stesse: denaro. Secondo il sito Deadline, l'autore della serie Matthew Weiner starebbe per siglare un contratto biennale da 30 milioni di dollari, ma sarebbe ancora irremovibile su alcune clausole richieste dalla rete: eliminazione o riduzione di due membri del cast (mistero su quali), piccola diminuzione della durata di ciascun episodio (per lasciare spazio alla pubblicità) e product placement integrato.
E mentre c'è già chi organizza sondaggi in rete per scegliere tra "il team AMC" e il "team Matthew Weiner" (accade sul sito Tvline), i fan di cosa sentiranno di più la nostalgia?
Ecco la mia top ten:
1 GLI ABITI: dura infilarsi un paio di jeans da quando le segretarie dell'agenzia pubblicitaria più famosa del piccolo schermo hanno mostrato che effetto fanno tubini, gonne a ruota, golfini, dolcevita, reggiseni imbottiti, corsetti vintage, autoreggenti e décolleté dal mezzo tacco.
2 LA FEMMINILITA' DIFFUSA: labbra rosse, messe in piega perfette, gambe accavallate, suono di tacchi, unghie smaltate e sorrisi plastici. Ed è subito spot da mogliettina perfetta. Antifemminista, ma irresistibile.
3 I COCKTAIL: ogni ora e ogni occasione sono buone per far tintinnare ghiaccio, bicchieri e whiskey. Da sorseggiare con vista Madison Avenue.
4 LE (FINTE) SIGARETTE: inutile negarlo. Nessun personaggio di Mad Men (tranne Peggy - Elisabeth Moss - nelle prime puntate) è anche solo immaginabile senza una sigaretta in mano, i loro anni appartengono a quella "età dell'innocenza" in cui non si pensava che le sigarette facessero male.
Gli attori giurano di fumarle finte, vegetali, perché, questo va sottolineato, fumare, ora si sa ed è chiaro, è un attentato alla propria salute.
5 CHRISTINA HENDRICKS: più che una donna, un manifesto della voluttuosità al potere.
6 JANUARY JONES: il suo personaggio di moglie nevrotica ed ex moglie invidiosa passa da odioso a tenerissimo nel giro di pochi sguardi. Il suo look alla Grace Kelly, se possibile ancor più angelicata, è filologia applicata al custume design.
7 LE MUSICHE: dal tema d'apertura (scritto da David Carbonara) alle canzoni swing e pop anni '60 uscite da un juke box o, meglio ancora, da un 33 giri.
8 LA SIGLA che omaggia Saul Bass, storico autore di titoli di testa, con la sagoma di Don Draper che beve, fuma e poi precipita dal grattacielo.
9 GLI UFFICI della Sterling Cooper e della Sterling Cooper Draper Pryce: un omaggio al design sixties e alla nostalgia grafica.
10 DON DRAPER Per la verità, ci vorrebbero dieci punti solo per parlare di lui. Ditelo voi: cosa vi mancherà di più di Don Draper?

>> GALLERY: IL FUTURO DEL CAST FUORI DA MAD MEN
In pù:
>> Leggi la news: THE HOUR, L'ANTI MAD MEN MADE IN UK
>> Sfoglia la gallery: JON HAMM, STILE MAD MEN

Tags:
Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Fabio 68 mesi fa

Grandissima marina! :)

marina nasi 69 mesi fa

Hai ragione Fabio, Jessica Pare (Megan) è decisamente splendida. E pensa che lei stessa, a quanto ha raccontato al sito della rete tv canadese CTV (l'attrice è di Montreal), non sapeva che il suo personaggio sarebbe andato così lontano... Perché gli sceneggiatori di Mad men amano tenere sulle spine anche gli attori, oltre che il pubblico. Quanto ai tuoi dubbi su Don... Speriamo che arrivi presto la nuova stagione per farcelo scoprire!

Fabio 69 mesi fa

Mi mancherà la sua nuova moglie! Credevo che January fosse inarrivabile ma mi sbagliavo :| Inoltre mi mancheranno quelle piccole lezioni di seduzione che ci sapeva dare, scremando i suoi innumerevoli difetti... riuscirà Don Draper a non tradire più le proprie mogli?

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).