Justin Bieber, after-show party con Dolce&Gabbana

11 aprile 2011 
PHOTO COURTESY DOLCE&GABBANA

Continua al Gold di Dolce&Gabbana la stagione degli eventi tra musica e glamour. Dopo l'after show party per l'Aphrodite tour di Kylie Minogue, è la volta di una special night dedicata a Justin Bieber, la più giovane star del firmamento del pop, ma ancor più l'ultimo grande talento scovato e lanciato dalla rete dopo Lily Allen, reginetta di MySpace nel 2005.
"E' il simbolo di un nuovo tipo di popolarità: lanciato da You Tube, si è fatto notare da una casa di produzione che l'ha aiutato ad arrivare a ottenere tutto il successo che ha oggi. E' partito da zero e nel giro di soli 3 anni è arrivato a presentare i Grammy!", spiegano gli stilisti introducendo il party.

All'appuntamento, alle nove di sera, in linea con i tempi di una celeb under 18, era presente anche un nutrito pubblico di fan che, assiepate fuori dal locale, hanno riempito l'attesa cantando in coro i singoli del loro idolo.

Tra gli ospiti, alcuni, vista l'occasione, con figli al seguito, ci sono anche Costantino della Gherardesca, il critico musicale Mario Luzzato Fegiz, Cristiana Capotondi, la blogger moda Susan Tabak...

Justin Bieber arriva un po' in ritardo, poco dopo le 10, con il cast artistico del tour, un gruppo di amici più che semplicemente i suoi ballerini e musicisti.
Fuori teenager in delirio, dentro Bieber show. Perché il cantante, seppur reduce da uno spettacolo, ha ancora energia da vendere e assieme alla sua compagnia si diverte, balla ma soprattutto improvvisa, anche con qualche ospite, delle sfide all'ultimo passo.
Dettaglio curioso: la scaletta della serata non è "full Bieber", anzi è ricca di hit trasversali, da Empire State of Mind di Jay-Z a Shake your body (down to the ground) dei Jacksons 5 (e qui Justin si produce in un'imitazione-omaggio di Jacko, con tanto di cappello preso in prestito!).

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).