Mélanie Laurent, dalla settima arte alle sette note

06 maggio 2011 
<p>Mélanie Laurent, dalla settima arte alle sette note</p>

>> SCOPRI GLI ALTRI ATTORI-CANTANTI

Mélanie Laurent? Rising star d'Oltralpe che, a quanto pare, si sta rivelando sempre più come un mix di fascino, eleganza e talento.
L'11 maggio la vedremo infatti comparire sulla Croisette: sarà lei la madrina della 64° edizione del Festival di Cannes. E chissà se coglierà anche l'occasione per farci sentire la sua bella voce.
E non per recitarci una poesia o un passo drammatico. Da un anno a questa parte, infatti, l'attrice ha iniziato a coltivare seriamente la sua passione per la musica che ora si è tradotta in un album, fresco fresco di stampa, dal titolo En t'attendant (in italiano "In tua attesa").
Mélanie non si è limitata a cantare, ma ha scritto anche i testi poi musicati da un grande cantautore: l'irlandese Damien Rice, che deve il suo successo internazionale proprio al cinema (indimenticabile la sua The Blower's Daughter, che ha accompagnato una delle scene più rappresentative del film Closer di Mike Nichols).
Tornando a En t'attendant possiamo anticipare che l'album si immerge in un mood raffinato e malinconico, richiamando la tradizione dei grandi chansonnier e shakerando il vintage a sonorità pop-rock.
Punti di riferimento? Il più sicuro sembra Jacques Brel.

E' veramente piena di sorprese questa ragazza parigina, che ha esordito nel 1999 sotto la regia di Gerard Depardieu in Un pont entre deux rives, per poi diventare una star sotto l'occhio di Quentin Tarantino nel 2009 con Bastardi senza gloria.
E mentre il suo curriculum di attrice si arricchisce, lei ama di tanto in tanto mettersi anche dietro la macchina da presa o sedersi al pc per scrivere sceneggiature. Ora a tutto questo si aggiunge anche la musica.
Staremo a vedere

>> SCOPRI GLI ALTRI ATTORI-CANTANTI

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).