CANNES BACKSTAGE: DAY 1
De Niro promozionale, Carlà curiosa, Gaga pervenuta, Sarkozy no

12 maggio 2011 
<p><sub>CANNES BACKSTAGE: DAY 1</sub><br />
 De Niro promozionale, Carlà curiosa, Gaga pervenuta, Sarkozy
no</p>

Carlà non c'è stata alla proiezione di Allen? Niente paura, recupererà (ma non a Cannes) godendosi ogni istante di La conquête , il film sulle ultime ore di Mr Sarkozy versione elettorale e pre-presidenziale. «Sono molto curiosa - ha dichiarato al sito RTL - anche un po' inquieta, inevitabilmente. Ma il casting è di gran qualità, la produzione anche, e così gli sceneggiatori». Insomma, una première dame serafica, per nulla intimidita da quello che potrebbe anche essere un film critico nei confronti di suo marito.

E lui, a proposito, che dice? Stando a quanto dichiarato alla rivista Télérama, Sarkozy non condivide affatto lo spirito positivo della moglie. E a vedere il film che parla di lui non ci pensa proprio: «Non mi va di vedere La conquête- ha dichiarato limpido - In genere, non leggo quel che si dice di me. Perché non mi soddisfa mai. Se ci sono critiche, lo trovo ingiusto. Se ci sono lodi, non è mai abbastanza». Ma non per questo il presidente francese, come altri colleghi internazionali avrebbero potuto fare, ha tentato di far ritirare la pellicola da Cannes o boicottarne l'uscita: «Si aspettavano che avrei tentato di oppormi al suo inserimento a Cannes o fatto in modo di vederlo prima della proiezione per controllare cosa vi si diceva. Niente di tutto questo! Amo troppo il cinema per lamentarmi... Ma per proteggere la mia salute mentale... Non vedrò il film».

Ma lasciamo le dichiarazioni a siti e giornali e torniamo in Croisette dal presidente della giuria Robert De Niro, che ieri ha mostrato un doppio volto: tenera commozione e senso degli affari si sono infatti alternati nella sua gestione del tempo a Cannes. Da una parte, nel pomeriggio ha fatto un salto "al di là del muro", dimenticando la Cannes cinefila e andando a salutare quella commerciale, ovvero l'assiepamento dei "buyers" al Marché dez films. Qui, ha fatto pubblicità a Manuale d'amore 3, in proiezione per i distributori stranieri, il film di Giovanni Veronesi che lo vede protagonista assieme a Monica Bellucci (di cui, come tutti i suoi coprotagonisti, ha tessuto le lodi), Carlo Verdone, Riccardo Scamarcio: «Spero vi divertiate anche voi durante la proiezione come mi sono divertito io a fare questo film», ha dichiarato da perfetto promoter. (E per i buyers internazionali si è aperta anche le prevendita del nuovo lavoro di Sergio Castellitto: Venuto al mondo, con Penélope Cruz e ovviamente tratto da un romanzo della moglie Margareth Mazzantini).
In versione serale
, però, De Niro si è emozionato, con tanto di occhi lucidi, dinanzi agli spezzoni dei suoi film memorabili (da Taxy Driver a Toro scatenato) durante la cerimonia inaugurale del Festival.

E proprio subito prima dell'inaugurazione, a sorpresa, è arrivata una creatura meno istituzionale delle tante dame in abito bianco e tenute da gran soirée che affollavano la montée des marches: pelle nera, ballerini scatenati al seguito e musica al massimo volume, a dare una piccola scossa iniziale all'apertura delle danze festivaliere ci ha pensato Lady Gaga. Dallo studio open air di Le Grand Journal.

 

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).